Svuotamento Buffer: come evitarlo?

Ciao ragazzi, ho una domanda un po particolare.

Ho notato che quando copio con nero 6 un dvd di qualunque tipo, l’immagine che lui crea la mette sull’hard disc un po a Ca**o di cane, nel senso che se il disco è un po frammenteto, lui va a riempire i buchi frammentati del disco. Ciò causa in scrittura spesso lo svuotamento del buffer poichè i dati vengono caricati più lentamente in ram in quanto sono frammentati…

Ho deframmentato ma anche dopo qualche buco frammentato rimante, e quindi il problema permane… ho provato Clone CD facendo “Crea file immagine”. Clone sembra più intelligente, infatti si cerca uno spazio libero su disco per scriverel’immagine sequenzialmente, evitanto i buchi frammentati dell’hard disk… unica pecca è che non so xke ma clone fa le iso frammenti di un giga. i frammenti sono si contiui, ma ognuno è messo a caso sul disco, causando sempre svuotamenti di buffer (anche se meno gravi).

Ora vorrei chiedervi, esiste un software che scriva una iso intera in una parte non frammentata del disco??

Oppure mi devo comprare un hard disk a parte solo per copiare???

Ciao a tutti

non credo che quando crei un’img il programma lo fa in un modo “intelligente” ma potrei sbagliarmi, dopo che hai deframmentato hai provato a disattivare l’antivirus e quei programmi “inutili” che lavorano in background ???

EDIT: puo’ essere che masterizzi ad una velocità piu’ alta di quanto l’hd riesce a trasferire ma per questo credo che ci lavora il buffer del mast

La scrittura sul disco rigido non è controllata dal nero o da qualsiasi altro software, ma è gestita dal sistema operativo, dal tipo di file system usato per formattare il disco e/o dal controller a cui è connesso il disco rigido.

A detta degli esperti, Windows non è mai stato un mostro di efficienza nel modo in cui scrive i dati sul disco, anche nel file system NTFS che al momento è il più evoluto disponibile, mentre pare che linux sia molto più efficiente a riguardo.

Non voglio iniziare una polemica su questo, anche perché non è questo il thread giusto per farlo (la discussione si può fare se interessa, ma in quel caso conviene aprire un thread separato), ma ne ho accennato qui solo per dire che il software che usi non ha alcuna influenza sul modo in cui i dati vengono scritti sul disco.

Le oscillazioni del buffer dipendono fondamentalmente dalla frammentazione del disco, ma anche dalla velocità del disco stesso, dalla velocità del controller a cui il disco è collegato, e dalla configurazione hardware del computer.

Ti faccio un esempio. Se nel computer c’è un solo disco rigido, anche se è molto capiente e c’è spazio sufficiente per memorizzare file di grosse dimensioni come i DVD, considera che comunque in quel disco rigido è installato anche il sistema operativo, e che il sistema operativo accede al disco ogni volta che è necessario (cioè in continuazione finché il computer rimane acceso). Quindi durante la masterizzazione può succedere che per qualche motivo il sistema operativo necessiti di accedere al disco rigido (magari solo perché hai deciso di aprire a tutto schermo la finestra del nero o perché stai muovendo il mouse, oppure perché inevitabilmente deve eseguire delle procedure necessarie al funzionamento del kernel), e questo inevitabilmente causa un rallentamento del flusso dati al masterizzatore.

Le oscillazioni del buffer, comunque, sono normali, e non causano danni a meno che non si verifichi lo svuotamento completo del buffer. In quel caso la masterizzazione viene temporaneamente interrotta (il laser si spegne) finché il buffer non viene riempito nuovamente. Questo non produce un sottobicchiere, ma comunque introduce un certo numero di errori sul disco (errori perfettamente correggibili, beninteso, ma che comunque peggiorano il grafico delle scansioni).

Per migliorare le prestazioni occorre usare un hardware sufficientemente dimensionato. Il che si traduce in un disco rigido veloce separato da quello in cui sono installati il sistema operativo e i programmi e collegato a un controller separato rispetto a quello del masterizzatore (per evitare ulteriori colli di bottiglia).

Tieni presente, comunque, che anche se compri un disco rigido ultraveloce (uno di quelli a 10.000 giri tanto per capirci), le oscillazioni del buffer ci saranno sempre e comunque :wink:

Credo che lo svuotamento del buffer possa dipendere anche dal cattivo “gradimento” di alcuni supporti ottici da parte del masterizzatore: durante la prima masterizzazione che ho fatto con il Liteon, il buffer si è svuotato ben 31 volte :eek: (penso sia da guinnes dei primati), tanto da farmi pensare ad un difetto del drive :sad: Rifatta immediatamente la stessa identica masterizzazione ma con un supporto diverso (migliore), il buffer non si è svuotato nemmeno una volta :wink:

Ciao ragazzi e grazie delle risposte… Allora, il mio PC lo conosco benissimo da 4 anni… uso solo verbatim e masterizzo con un LG GSA 4163B (a mio modesto parere un ottimo drive). Io so già che il problema è la frammentazione, infatti se l’immagine la metto su un disco vuoto o comunque completamente deframmentato (se nel disegnino della deframmentazione non ci sono spazi binchi) poi l’immagine viene masterizzata perfettamente…Per di più, le prove le ho fatte su una partizione nello stesso hard disk contenente il sistema operativo… se il disco non è frammentato, il buffer sta al 100% per tutto il tempo, e l’hard disc non “grattugia” facendo tutto il rumore che fa quando cerca i file… infatti, essendo i file sequenziali e senza salti, l’hard disk fatica molto meno…

Comunque Geno, devo dirti che ho fatto una prova, ho creato una iso dello stesso dvd con nero ed una con clone cd, beh nero per ben 3 volte consecutive l’ha scritta riempiendo tutti gli spazi bianchi del grafico della deframmentazione. cio ha come risultato una masterizzazione frastagliata e con vari svuotamenti di buffer dato che i dati vanno cercati faticosamente…

Invece clone cd, sempre per 3 volte, ha trascurato gli spazietti bianchi e si è preso una zona pulita e libera alla fine del disco (ciò che volevo io) ma poi dopo il primo giga di dati, ha creato un altro file in un’altra posizione sempre libera, causando quindi un fastidioso stacco per il buffer…

Quindi evidentemente i software hanno una loro influenza…

Comunque, piuttosto che comprarmi un nuovo hard disk solo per masterizzare, creo una partizione di 20 giga dedicata solo alla masterizzazione che rimarra sempre vuota e deframmentata… così dovrei risolvere il mio problema…

Ciao a tutti

Io prenderei comunque un HDD (gli hard disc non sono mai troppi :bigsmile: )

Si lo so… il fatto è che ne ho già 2 per un tot di 4 partizioni (HDD1:una per il sistema operativo ed i programmi, una per i documenti; HDD2: una per il mio fratellino che fa i suoi macelli, una per emule che fa i suoi macelli anche lui :wink: poi ho l’LG ed un liteon per i CD… e non voglio più usare schede PCI per espandere gli slot IDE quindi… opto per la partizione per ora!!!

Puoi sempre mettere il mulo su un hard disc montato su box esterno usb :wink:

Mi hanno appena regalato un hard disk esterno della packard bell che fa anche da lettore per tv da 500 giga… va bene per masterizzare??? PS: non ho usb 2.0

Usare un disco esterno come sorgente dei dati da inviare a un masterizzatore è una pessima idea, a meno che la velocità di masterizzazione non vada oltre 8x.

Oltretutto, se non hai la USB2 nel computer, come faresti ad usarlo? Anche aggiungendo un controller PCI o di altri tipo con delle porte USB, comunque la sorgente dati sarebbe troppo lenta per inviare dati al masterizzatore, e i rischi di svuotamento del buffer sono alti.

Io lo sconsiglio :slight_smile:

Aspetta, io masterizzo sempre e solo a 4x… non è abbastanza lento?? cmq che transfer rate ha l’usb 1.0??

Allora, io mi ritrovo con un AMD athlon XP 2200+ del 2003, ho un hdd da 120, uno da 80 ed uno esterno da 500. Qual’è la configurazione ideale delle partizioni??

Io vorrei:

  • Una partizione per windows e i programmi (C:);
  • Una partizione per i documenti, la musica, i video, etc.
  • Una partizione per mio fratello che ci mette quello che vuole e ci installa soprattutto giochi;
  • Una partizione per Emule (che penso sia meglio in un disco che non sia lo stesso con la partizione C:);
  • Una partizione per masterizzare (quindi sempre vuota, per metterci all’occorrenza una iso da masterizzare o per fare delle copie).

Accetto taaanti consigi!!!

l’USB 1 è decisamente troppo lento anche per masterizzare a 4x secondo me. In ogni caso, masterizzare [U]sempre[/U] a 4x non sempre è una buona idea. Diverse volte abbiamo provato a sfatare il mito che “più lento è meglio”, perché coi DVD non è affatto così :slight_smile:

Allora, io mi ritrovo con un AMD athlon XP 2200+ del 2003, ho un hdd da 120, uno da 80 ed uno esterno da 500. Qual’è la configurazione ideale delle partizioni??

Io vorrei:

  • Una partizione per windows e i programmi (C;
  • Una partizione per i documenti, la musica, i video, etc.
  • Una partizione per mio fratello che ci mette quello che vuole e ci installa soprattutto giochi;
  • Una partizione per Emule (che penso sia meglio in un disco che non sia lo stesso con la partizione C;
  • Una partizione per masterizzare (quindi sempre vuota, per metterci all’occorrenza una iso da masterizzare o per fare delle copie).

Accetto taaanti consigi!!!

Io suggerisco come segue:

[ul]
[li]un hard disc per il sistema operativo e i programmi e niente altro
[/li][li]un hard disc partizionato in base alle necessità , cioè in base al tuo schema:
[/li][list]
[li]partizione per video e musica
[/li][li]partizione per il fratello
[/li][li]partizione per emule
[/li][li]partizione per masterizzare
[/li][/ul]
[/list]

Il disco esterno potrebbe essere usato per emule e per conservare i documenti (video, musica, ecc), ma per masterizzare è meglio un disco interno