Sondaggio: Gruppi di continuitÃ

vbimport

#1

Spesso nella scelta dei componenti si dà più importanza alla potenza del processore o della scheda grafica, ma quanti si soffermano a pensare anche alla sicurezza del computer?

I gruppi di continuità non sono solo delle “stupide” batterie che si azionano quando viene via la corrente, ma contengono anche una circuiteria interna che serve a proteggere la macchina dalle sovratensioni e da eventuali incidenti che potrebbero essere causati dai fulmini.

Chiaramente se un fulmine colpisce il computer non c’è protezione che tenga, ma comunque è sempre bene averlo un gruppo di continuità .

Quanti di voi ne hanno uno? Che modelli avete? In che modo avete scelto il modello giusto?

Il mio voto è un si: io ho fatto la pazzia di spendere soldi per prenderne uno, e devo dire che mi ha salvato in varie circostanze, quando è andata via la corrente e la macchina non è collassata :bigsmile:


#2

io non ne ho manco uno.
da quel che ho potuto capire ne esistono di due tipi: quelli “offline” (più economici) e quelli “online”.

quelli “offline” che entrano in funzione solo in caso di necessità , ma potrebbe avvenite una frazione di secondo di mancata erogazione della corrente e quindi il pc ce se lo ritroverebbe comunque spento…

quelli “online”, cioè quelli realmente utili, che erogano corrente in continuazione e nello stesso tempo ricaricano la loro batteria interna.

che dire, il problema è il prezzo sennò ne avrei già uno :bigsmile:
quei gruppi di continuità che costano meno non li sto manco a guardare, per il motivo scritto sopra.

P.S. se non erro gli alimentatori pc odierni, di marca, hanno già di loro una protezione contro gli sbalzi di tensione.


#3

Si, è vero, ci sono gruppi di continuità del tipo supereconomico che non servono a niente, ma non è detto che i gruppi decenti costino una cifra inarrivabile. Io ho due di questi e ti garantisco che sono in grado di mantenere accesi i computer anche quando va via la luce (sono velocissimi ed entrano in funzione immediatamente).

A seconda dei negozi puoi trovare un prezzo migliore, ma siamo intorno ai 100 euro (io li ho pagati 95 euro).

Gli alimentatori hanno tutti una protezione contro le sovratensioni, ma non è mai così efficiente come quella dei prodotti dedicati, cioè gli UPS e le prese filtrate. Sono più degli stabilizzatori che dei protettori veri e propri.

Quando un alimentatore prende un picco di tensione troppo alto si brucia, mentre se il picco viene intercettato dalla presa filtrata o da un gruppo di continuità al limite si può bruciare un fusibile, ma il computer il più delle volte non si brucia.

Se non vuoi prendere un UPS ti suggerisco di prendere comunque una presa filtrata e di collegarci anche il router (la probabilità di friggere il computer o la scheda di rete con un fulmine è più alta che beccare un picco di sovratensione sull’alimentatore, visto che la rete elettrica è comunque protetta dal salvavita di casa mentre la linea telefonica è totalmente priva di protezioni).


#4

soldi buttati,magari a monte un impianto non a norma…bah!


#5

Sull’impianto elettrico che fa schifo posso essere daccordo ma che il gruppo di continuità siano soldi buttati non è vero.

A parte la protezione contro i sovraccarichi (e scusa se è poco), la presenza della batteria permette di spegnere il computer con tutta calma, salvare i dati senza perdere nulla, ed evitare che un file corrotto a causa dello spegnimento improvviso del computer possa impedire il riavvio successivo.


#6

Io sono seriamente intenzionato a prenderlo.
In passato ne ho avuti una paio, e l’ultimo mi ha salvato durante un temporale (mentre lavoravo alla tesi è andata via la corrente e sono riuscito a non perdere 3 ore di lavoro).


#7

A me è stato regalato un APC 500 di parecchi anni fa ma che dire… il suo dovere lo fa. E si, si può lavorare senza il pensiero che durante un temporale ci siano sbalzi o che magari la corrente salti perchè la mamma usa ferro da stiro, forno e lavatrice assieme. Yeah!