Mi e' venuta un'idea folle!

vbimport

#1

Ragazzi, chi e’ che sa programmare a basso livello?
Tempo fa rimuginavo sullo schifosissimo livello di compressione dei files ISO (In generis), tant’e’ vero che quando ci dovevamo scambiare tante ISO, io e un paio di miei amici, le buttavamo su un HDD di appoggio vuoto, e usavamo il Norton Ghost per dumpare e comprimere la partizione…una masterizzazione completava il quadretto.
Ora, immaginate Photoshop6 compresso con winace:640Mb circa (Lo sto compressando mentre sto scrivendo).
Stessa immagine con Ghost (Su partizione da 700Mb): 400 Mb!!!
Le dimensioni sono imputabili al fatto che gli algoritmi di compressione ad alto livello, non sono pensati per un file ISO.
Invece Ghost cerca delle ridondanze a livello dei singoli bit scritti sull’HDD.
Orbene, se qualcuno fosse in grado di creare un applicativo in grado di dumpare e comprimere SOLO la parte dell’HDD contenente il file che ci interessa?
Che ne pensate?


#2

Se comprimi con win zip la differenza sarà al massimo di 10kb


#3

Scusa, in che senso?
Rispetto a ghost o alla immagine stessa?


#4

Putroppo non esiste un algoritmo di compressione che riesca a comprimere bene sia i files piccoli che i grandi! Inoltre, gli algoritmi di compressione non sono così semplici come credi ci và una bella testolina per inventarne uno nuovo (così come quelli di ordinamento)… chiunque possa smentirmi ben venga.


#5

Per carita’…non intendevo arrivare a tanto, ma semplicemente lanciare un sasso per vedere le onde dove arrivavano!
Volendo potrei fornire il dump del codice ghost relativo alla compressione, ma il mio problema rimane lo stesso: Chi e’ che sa scrivere un prog. in grado di comunicare direttamente con l’HDD?


#6

Originally posted by Kay
Per carita’…non intendevo arrivare a tanto, ma semplicemente lanciare un sasso per vedere le onde dove arrivavano!
Volendo potrei fornire il dump del codice ghost relativo alla compressione, ma il mio problema rimane lo stesso: Chi e’ che sa scrivere un prog. in grado di comunicare direttamente con l’HDD?

se mi mandi l’algoritmo, vedo che riesco a fare nel tempo libero… (molto poco, ma meglio di niente ;))

byeeez


#7

Soprattutto è lunga io credo la sperimentazione di un nuovo algoritmo di compressione(a parte il cervello da Einstein che ci vuole per idearlo!),q.sto perchè fondamentalmente comprimendo il proggydeve operare una scelta qualitativa di cosa comprimere econ quale criterio


#8

Fermi, fermi…stiamo andando fuori post.
E’ da qualche tempo che sto cercando di ricostruire l’algoritmo di compressione usato da Ghost (in assembler…AAAAARRGH! STO DIVENTANDO PAZZO!), quindi servirebbe “soltanto” del codice che prende le informazioni di struttura del file in questione e lo rende contiguo (Leggi: “Defrag perfetto”).
Il problema si pone nel leggere questi dati: devono essere presi cosi’ come sono, ovvero entrare DIRETTAMENTE in comunicazione con l’hard disk, saltando quindi il file system(qualunque esso sia) e parte del BIOS della scheda madre.
Credo di aver eseguito circa il 20% del lavoro di ricostruzione…datemi tempo.


#9

oki! intanto cerco il modo per agire a livello di hd :wink:


#10

Non ho capito allora…
Te vuoi comprimere le iso in modo da metterne + di 1 in un cd, giusto?
Allora basta che comprimi con win zip e vedi se ci stanno 2 iso.
Cmq considera che un cd è spesso gia costituito da file compressi e quindi la compressione non può essere elevata.


#11

Non sto parlando di mettere X ISO in un CD, ma di dare una smossa al mondo dei packer.
Vedi, Fastone, il discorso e’ che gli algoritmi di compressione non sono stati programmati per trovare ridondanze (e quindi livelli di compressione + elevati) sulla struttura di un file ISO, bensi’ su altri tipi di file.
Ne risulta che su determinate immagini (da CD, s’intende)ti può andare bene, mentre su altre moooolto peggio (es. Re-Volt, ISO=580Mb: zip=480Mb; rar=465Mb; ace=471Mb…Alias WaveFront2 CD1, ISO=610Mb: zip=604Mb; rar=599Mb; ace=612Mb!!!).
La compressione del Ghost (ma potrebbe andar bene anche un altro applicativo, tipo DriveImage) e’ a livello dei singoli bit, bypassando quindi il file system (FAT,FAT32,NTFS solo per citare i piu’ comuni) ed e’ concepita per grosse quantita’ di dati.
Immaginati fra 5 anni: sei di fronte ad un link che ti porta a scaricare l’ultimo episodio di guerre stellari in formato DVD (non divx): preferiresti scaricarti 4Gbyte di roba o 2,5?

P.S. fra poco comincio a riscrivere il reply sul wma…vattela a leggere.


#12

Il driveimage 4 permette di creare l’ immagine compressa di un disco intero, ma all’ occorrenza anche solo di directory a scelta. Potrebbe essere la soluzione o non è la stessa cosa?


#13

Originally posted by martos
Il driveimage 4 permette di creare l’ immagine compressa di un disco intero, ma all’ occorrenza anche solo di directory a scelta. Potrebbe essere la soluzione o non è la stessa cosa?

Si, e’ questo la strada da seguire, ma alla PowerQuest hanno preferito usare un file system propietario per eseguire il backup di singole directory(al contrario della compressione di tutto l’HDD).
Il risultato e’ comunque migliore dei vari zip, rar, ace, ma peggiore del backup del disco contenente la sola directory di nostro interesse.