Mi aiutate a fare un punto della situazione?

vbimport

#1

Salve a tutto il forum, e ai mitici “geno888” e “MaX”…un saluto anche al grande “batmax”…

Mi permetto di disturbare perchè avrei tanto bisogno di un vostro sincero consiglio…vista la passione e competenza con la quale scrivete su masterizzatori e relativi supporti…!!!

Venendo al motivo per il quale vi contatto, confesso di essermi molto appassionato alle tematiche da voi affrontate negli anni 2006-2008 sulle qualità dei masterizzatori, supporti ottici e scansioni…!!!

A tal proposito avrei delle piccole grandi domande da porre, sperando in un vostro gradito interessamento:

  • Prima cosa, quale è secondo voi il miglior masterizzatore disponibile oggi per effettuare scansioni di qualità ?? (Sò putroppo del fatto che i Plextor non sono più “loro”…). Quello che cerco NON è un driver tutto fare, ma uno, possibilmente il non plus ultra, per fare scansioni di supporti masterizzati e stampati!!!

  • Ed ora veniamo alla qualità della scrittura…Presupponendo l’ utilizzo di ottimi supporti ottici, quale a vostro avviso il miglior drive che presenti la miglior meccanica, testina laser e supporto firmware tra quelli disponibili oggi?

  • E per cio che concerne la qualità di lettura??
    Un drive eccezionale nello scrivere sarà anche automaticamente eccezionale nel leggere i supporti??
    In ogni caso, esiste un campione in lettura??

Vorrei per il mio sistema il massimo della qualità oggi possibile,
senza quei famigerati “rapporti qualità /prezzo”…
Se pensate che si possa ottenere la migliore soluzione possibile sono diponibilissimo ad acquistare 3 drive (scansione, scrittura e lettura)…tanto oggi i costi sono abbordabilissimi!!!

  • Ed infine un piccolo chiarimento sui DVD registrabili…
    Ero convinto che i supporti marchiati Verbatim, fossero Verbatim e basta…ma ho capito, grazie anche alla lettura dei post di questo forum che, haimè, possono capitare dischi difettosi all’ interno della stessa campana acquistata. Non solo, ma possono circolare anche dei Verbatim di seconda scelta, prodotti da terze parti con marchi ID Ritek (mi sembra di ricordare…).
    Chiedo gentilmente, come fare a capire in modo non equivoco se i miei Verbatim sono quelli della casa madre??? Cosa guardare???
    (quel post di vari anni or sono in cui si indicavano delle sigle, è applicabile ancora oggi??)

Sapete meglio di me che la tecnologia a 6 mesi dalla nascita viene vista in modo mooolto lontano…quindi il marchio che magari era eccellente nel 2007 o 2008 oggi lo è di meno o addirittura è diventato scarso…!!!

OK, è tutto…ringrazio davvero infinitamente se vorrete darmi qualche consiglio…e vi saluto con grande stima!!!

P.S. Perdonatemi, ma questo ultimo quesito è fondamentale per me quanto gli altri…
Riguardo i tanto famigerati “Taiyo Yuden”…
Questa è una azienda che produce per se stessa e commercializza con il suo marchio, o produce dischi che poi rivende ad altri marchi che appongono il loro nome???
E poi, sento molto disquisire sui Taiyo a 8X e su come questi siano migliori di quelli a 16X…mi chiarite un attimo la situazione oggi, nel 2010??
Verbatim o Taiyo???
Cosa e quale sigla guardare per riconoscere quelli originali e senza sorprese???

GRAZIE ancora moltissimo!!!


#2

Benvenuto nel forum :slight_smile:

[QUOTE=sayanvts;2492209]

  • Prima cosa, quale è secondo voi il miglior masterizzatore disponibile oggi per effettuare scansioni di qualità ?? (Sò putroppo del fatto che i Plextor non sono più “loro”…). Quello che cerco NON è un driver tutto fare, ma uno, possibilmente il non plus ultra, per fare scansioni di supporti masterizzati e stampati!!![/quote]

Attualmente gli unici drive rimasti dispinibili in commercio per fare le scansioni [B]dei DVD[/B] sono i Lite-On. Fondamentalmente tutti i liteon vanno bene per le scansioni, quindi qualsiasi modello riesci a trovare sei a posto. Per i CD, invece, purtroppo i masterizzatori DVD sono quasi tutti inaffidabili.

Se riesci a trovare un Plextor Premium (difficile perché ormai fuori produzione da molto tempo e che oltretutto costa uno sproposito) puoi ottenere scansioni affidabili per i CD. Con un Plextor 760 (il modello con la probabilità più alta di essere trovato da qualche parte perché l’ultimo prodotto dalla Plextor, ma comunque non facile da reperire) puoi fare scansioni attendibili sia dei CD che dei DVD.

Per quanto riguarda la scansione dei dischi stampati, non ha molto senso farla. Il test delle scansioni, infatti, è stato sviluppato per fare una valutazione sufficientemente affidabile dei dischi masterizzati. Anche se comunque niente ti impedisce di fare la scansione di un disco stampato, i risultati che otterresti sono fondamentalmente inutili.

Sebbene fondamentalmente con dischi di qualità qualsiasi drive è in grado di scrivere bene i supporti, ci sono comunque delle piccole differenze qualitative. I drive con la migliore qualità in scrittura al momento sono i Pioneer (purtroppo anche questi ormai fuori produzione :doh:) e i NEC/Optiarc 724x (la x è un numero che può essere zero per il drive normale, 1 per il drive con lightscribe e, se non ricordo male, 3 per il labelflash). A parte queste difference minori, comunque, i drive sono identici.

[QUOTE=sayanvts;2492209]- E per cio che concerne la qualità di lettura??
Un drive eccezionale nello scrivere sarà anche automaticamente eccezionale nel leggere i supporti??
In ogni caso, esiste un campione in lettura??[/quote]
Per quanto riguarda la lettura dei supporti, sia dei dischi stampati (in inglese vengono chiamati “pressed”) che di quelli masterizzati, in genere i masterizzatori sono anche ottimi lettori.

Anche in questo caso ci sono delle differenze tra un drive a l’altro. Non esiste un drive migliore in assoluto rispetto a tutti gli altri. Quando c’è un disco che non si riesce a leggere per intero con un drive, a volte (purtroppo non sempre) si riesce a recuperare il contenuto usando quanti più drive possibile. In questo modo (ripeto, purtroppo non sempre) si riesce a recuperare le varie parti del disco ciascuna con un drive diverso.

A parte questo, alcuni drive hanno dimostrato di avere capacità leggermente superiori in lettura rispetto ad altri che si sono rivelati più schizzinosi. Puoi leggere i risultati postati dagli altri utenti del forum qui e qui.

Nella mia esperienza personale, finora, i Pioneer si sono rivelati i migliori lettori tra tutti i drive che ho.

[QUOTE=sayanvts;2492209]Vorrei per il mio sistema il massimo della qualità oggi possibile,
senza quei famigerati “rapporti qualità /prezzo”…
Se pensate che si possa ottenere la migliore soluzione possibile sono diponibilissimo ad acquistare 3 drive (scansione, scrittura e lettura)…tanto oggi i costi sono abbordabilissimi!!![/quote]

Da questo punto di vista la soluzione migliore in effetti è di prendere drive separati, perché purtroppo il drive “universale” non esiste. Gli unici che si avvicinavano a questa definizione erano i Plextor autentici (non quelli attuali, che sono drive rimarchiati prodotti da altre aziende), ma ormai non se ne trovano più :doh:

Comunque decidere quali drive includere nel “parco macchine” dipende anche dall’uso che ne devi fare. Se ti interessa solo masterizzare quanto più possibile facendo qualche occasionale scansione per controllare i risultati, allora ti conviene prendere almeno due masterizzatori per la scrittura (un paio di Optiarc 7240 ad esempio), un liteon per le scansioni (da usare occasionalmente per la masterizzazione se necessario), e un lettore DVD (o un altro masterizzatore se preferisci) per la verifica dei dischi.

In questo modo, i masterizzatori li usi solo per scrivere, il liteon solo per le scansioni, e il lettore per la verifica dei dischi. Questo fa si che la meccanica dei drive non si usuri troppo in fretta (ad esempio, se prendi solo un drive liteon e lo usi per masterizzare, fare la scansione e verificare il disco, per ciascun DVD in pratica fai lavorare il drive 3 volte, e questo lo usurerebbe più in fretta).

Avere drive diversi ha anche un altro vantaggio: in caso di lettura di dischi “difficili”, quanti più drive diversi hai (paradossalmente anche della stessa marca e modello ma di partite di produzione diverse) tanto più alta è la probabilità che almeno uno dei drive riuscirà a leggere il disco in un settore particolarmente difficile (a meno che il disco non sia deformato o irrimediabilmente graffiato, e quindi del tutto illeggibile in ogni caso).

[QUOTE=sayanvts;2492209]- Ed infine un piccolo chiarimento sui DVD registrabili…
Ero convinto che i supporti marchiati Verbatim, fossero Verbatim e basta…ma ho capito, grazie anche alla lettura dei post di questo forum che, haimè, possono capitare dischi difettosi all’ interno della stessa campana acquistata. Non solo, ma possono circolare anche dei Verbatim di seconda scelta, prodotti da terze parti con marchi ID Ritek (mi sembra di ricordare…).
Chiedo gentilmente, come fare a capire in modo non equivoco se i miei Verbatim sono quelli della casa madre??? Cosa guardare???
(quel post di vari anni or sono in cui si indicavano delle sigle, è applicabile ancora oggi??)[/quote]

Per quanto possa sembrare assurdo, delle centinaia di dischi disponibili in commercio, solo due marche si sono rivelate di qualità ottima. Tutte le altre hanno una qualità variabile dalla schifezza totale all’appena decente.

Verbatim e Taiyo Yuden (TY per fare prima) sono i migliori in assoluto.

Per quanto riguarda i Verbatim, quasi tutti i dischi venduti sotto questo marchio sono di qualità , ma ce ne sono diverse varianti.

Se sulla confezione c’è scritto [B]Made in Japan[/B], allora si tratta di Taiyo Yuden autentici, e quindi dischi di ottima qualità .

Se sulla confezione c’è scritto “Pearl White”, quasi certamente si tratta di schifezze da evitare (se ricordo bene erano dei Ritek)

A parte queste “eccezioni”, tutti gli altri Verbatim vanno bene e sono di qualità , e si possono comprare a colpo sicuro. Se hai qualche dubbio, fai un giro sul sito ufficiale Verbatim e vedi come sono fatte le confezioni. Se trovi qualche confezione diversa da quelle mostrate nel sito originale anche se c’è sopra il marchio Verbatim meglio non fidarsi.

Altro discorso vale per i siti che vendono online. Purtroppo, non tutti sono del tutto onesti e pubblicano le foto giuste ma non danno informazioni precise sui dischi che vengono venduti. Quindi, anche se le foto sono giuste è possibile che in realtà ti mandino delle schifezze. Ma questo non ha nulla a che vedere con la Verbatim: dipende solo dalla serietà del venditore.

Quindi, per andare a colpo sicuro basta guardare la confezione e la provenienza (il “made in”). Japan e Taiwan per i dischi a singolo strato sono le sorgenti migliori, India e Cina sono comunque buoni, ma se ci sono i taiwan meglio prendere questi ultimi :bigsmile:

Per i dischi a doppio strato, c’è solo una marca affidaible Verbatim. Tutte le altre (dico proprio tutte) meglio evitarle.

Verissimo :iagree:

Taiyo Yuden e Verbatim, comunque, finora hanno mantenuto un alto livello di credibilità e affidabilità :slight_smile:

[QUOTE=sayanvts;2492209]
Riguardo i tanto famigerati “Taiyo Yuden”…
Questa è una azienda che produce per se stessa e commercializza con il suo marchio, o produce dischi che poi rivende ad altri marchi che appongono il loro nome???[/quote]
Si, la TY produce per se stessa, ma difficilmente commercializza col suo marchio. i TY si possono trovare sotto varie marche (Verbatim, Plextor [ormai totalmente introvabili] JVC, That’s) oppure come “unbranded” (cioè in confezioni “anonime” senza marchio fornite direttamente dalla TY. Puoi leggere qualche informazione supplementare qui.

[QUOTE=sayanvts;2492209]E poi, sento molto disquisire sui Taiyo a 8X e su come questi siano migliori di quelli a 16X…mi chiarite un attimo la situazione oggi, nel 2010??
Verbatim o Taiyo???
Cosa e quale sigla guardare per riconoscere quelli originali e senza sorprese???
[/QUOTE]

Anche questo putroppo è vero :frowning:

I dischi prodotti un paio di anni fa avevano una qualità molto più alta rispetto a quelli prodotti oggi (non solo per i TY ma per tutte le marche in generale). Il meglio del meglio in assoluto sono i TYG02 (dischi -R certificati per la velocità 8x, ma che si possono scrivere con ottimi risultati anche a 16x :eek:).

Comunque, è difficile dire se effettivamente la qualità dei TY prodotti oggi sia inferiore a quella dei dischi di un paio di anni fa.

L’assunzione che siano “peggiori” deriva dal fatto che alla scansione mostrano un numero maggiore di PIF, ma questo non implica necessariamente che il disco sia stato masterizzato peggio.

QUindi, visto che le differenze tra Verbatim e TY si riscontrano solo alla scansione, direi che la scelta tra questi due dipende solo dalla personale pignoleria.

Le scansioni hanno un significato piuttosto relativo e che vanno prese in senso assoluto. Anche se può sembrare paradossale, un disco con tanti PIF può essere migliore di un disco con poche decine di PIF. Infatti, più che il numero assoluto, quello che conta è la posizione degli errori. Basta un singolo PIF in un settore critico, che l’intero disco risulti illeggibile. Un disco con oltre 5000 PIF, invece, può restare leggibile per anni se il supporto viene conservato adeguatamente e non si graffia.

Quindi, (spero di non citare in modo errato :p), bisogna fare le cose [I]cum grano salis[/I]: non bisogna fare affidamento assoluto sulle scansioni. Secondo me non ha senso buttare via un disco leggibilissimo solo perché ha più di 100 PIF e perché la scansione è “brutta a vedersi”.

Spero di aver risposto chiaramente alle domande e di non aver aumentato ulteriormente la confusione :bigsmile:

Eventualmente, per altri dubbi o per cose a cui ho risposto in modo poco chiaro, posta pure qui nel forum :slight_smile:


#3

Ciao geno888…
Che dire…GRAZIE!!!

Per prima cosa rispondo alla tua ultima frase…sei stato assolutamente chiaro in tutto…e grazie a te ora ne sò un qualcosina di più anch’ io!!! ( A parte la questione dei termini tecnici delle prove di scansione ed errori, a cui devo ancora lavorare e imparare…)

Vorrei solo vedere insieme a te se ho afferato bene i tuoi concetti e consigli…e qualche piccola ulteriore precisazione (scusami…ma sono un tantino maniacale per le cose che mi appassionano…!!!)
Dunque:

  • Sono già sulle tracce di un Lite On “IHAS 524”.
    Per quanto concerne le scansioni per CD, ho visto che in vendita si trovano ancora i Plextor Premium 2…Questi sono uguali o migliori del Premium, o sono dell’ era dei Plextor rimarcati???
    Nel caso, per le sole scansioni di CD, su quale tenderesti di più qualitativamente tra un Premium 1, Premium 2 e 760 (a parita di condizioni di utilizzo)???
    E sempre nella stessa ottica qualitativa, per le sole scansioni di DVD tra un 760 e un Lite On 524 ???

  • Sono altresì sulle tracce di un Sony/Optiarc “AD 7243S”.
    Per i Pioneer, invece, effetivamente il sito Pioneer Italia non li riporta più visibili.
    Ma il sito globale inglese si !!!
    Tra questi il prodotto di riferimento è il modello “DVR-S18MBK”…che in effetti presenta una massima velocità di scrittura a 22X, a differenza di altri marchi appena rinnovatisi che hanno raggiunto la soglia dei 24X…!!!
    Se lo trovo ci faccio comunque un pensierino…anche a fronte del fatto che mentre per i singolo strato Pioneer e Optiarc si eguagliano, ho letto qui da qualche parte che per i Dual layer i Pioneer sono un passo avanti a tutti !!!

  • Per quanto riguarda i supporti registrabili, quindi con i Verbatim si va quasi sempre sul sicuro…sicuramente SEMPRE sul sicuro per i Dual layer!!!
    Ma…riepilogando, i made in Japan sono Taiyo, quelli Taiwan, India e Cina (elencati in ordine qualitativo) anche se non sono Taiyo sono di buona fattura uguale, ho capito giusto???
    E le “ciofeche”, sono solo quelli marchiati “peral White”, o devo stare attento anche al “made in”…qualcosa???

Benissimo se sarai cosi gentile e disponibile da chiarirmi queste ulteriori quisquiglie…te ne sarò davvero grato!!!
Un grandissimo saluto e un grazie ulteriore per questa passione che hai, e che nonostante gli ovvi impegni quotidiani ti porta a gestire al meglio questo forum e fornire aiuti a tutti noi che stiamo sempre qui a chiedere…e a condividere le nostre esperienze!!!

CIAOOO


#4

[QUOTE=sayanvts;2492473]
A parte la questione dei termini tecnici delle prove di scansione ed errori, a cui devo ancora lavorare e imparare…)[/quote]

In effetti le scansioni sono un tema decisamente ostico, soprattutto per la parte tecnica (che non sono mai riuscito a capire fino in fondo :doh:).

Puoi leggere l’ottima guida di [B]ET[/B] per farti un’idea precisa di cosa sono le scansioni :slight_smile:

[QUOTE=sayanvts;2492473]- Sono già sulle tracce di un Lite On “IHAS 524”.
Per quanto concerne le scansioni per CD, ho visto che in vendita si trovano ancora i Plextor Premium 2…Questi sono uguali o migliori del Premium, o sono dell’ era dei Plextor rimarcati???
Nel caso, per le sole scansioni di CD, su quale tenderesti di più qualitativamente tra un Premium 1, Premium 2 e 760 (a parita di condizioni di utilizzo)???
E sempre nella stessa ottica qualitativa, per le sole scansioni di DVD tra un 760 e un Lite On 524 ???[/quote]

Il Premium 2 è un drive Plextor autentico, e va benissimo per le scansioni del CD. Fondamentalmente non ci sono differenze fra i due modelli a parte il fatto che il modello 1 non si trova più da nessuna parte:)

Il 760 è altrettanto affidabile dei Premium per le scansioni dei CD, ma non si trova da nessuna parte, ed è meglio diffidare da quelli usati che si trovano su ebay.

Per le scansioni dei DVD, invece, il plextor è sicuramente il punto di riferimento migliore per le scansioni, mentre i liteon stanno al secondo posto. Però, essendo i liteon gli unici drive reperibili (e comunque affidabili) sono il prodotto di scelta per chi vuole fare le scansioni :slight_smile:

[QUOTE=sayanvts;2492473]- Sono altresì sulle tracce di un Sony/Optiarc “AD 7243S”.
Per i Pioneer, invece, effetivamente il sito Pioneer Italia non li riporta più visibili.
Ma il sito globale inglese si !!!
Tra questi il prodotto di riferimento è il modello “DVR-S18MBK”…che in effetti presenta una massima velocità di scrittura a 22X, a differenza di altri marchi appena rinnovatisi che hanno raggiunto la soglia dei 24X…!!!
Se lo trovo ci faccio comunque un pensierino…anche a fronte del fatto che mentre per i singolo strato Pioneer e Optiarc si eguagliano, ho letto qui da qualche parte che per i Dual layer i Pioneer sono un passo avanti a tutti !!![/quote]

Se ricordo bene, il Pioneer S18 è in realtà un drive rimarchiato, ma non so esattamente quale. Credo (ma non ne sono sicuro) che sia un liteon. Quindi, per masterizzare meglio io prenderei l’Optiarc (che credo costi anche molto meno del Pioneer). Oppure prenderei un Pioneer 117 (il modello IDE) o 217 (il modello sata) (riuscendo a trovarlo).

In effetti i Pioneer (quelli autentici, cioè fino al 117) per i dischi a doppio strato sono un filino migliori, ma anche l’optiarc non si comporta male, purché il disco sia un Verbatim.

[QUOTE=sayanvts;2492473]
Ma…riepilogando, i made in Japan sono Taiyo, quelli Taiwan, India e Cina (elencati in ordine qualitativo) anche se non sono Taiyo sono di buona fattura uguale, ho capito giusto???[/quote]
Esatto :iagree:

[QUOTE=sayanvts;2492473]E le “ciofeche”, sono solo quelli marchiati “peral White”, o devo stare attento anche al “made in”…qualcosa???[/QUOTE]
Finora le ciofeche sono i Pearl White e quelli che hanno una confezione diversa da quella ufficiale. Nella sezione internazionale del forum hanno beccato un altro prodotto marchiato Verbatim ma che in realtà è un disco di bassa lega (un CMC Mag se ricordo bene).

Questi dischi, però, hanno una confezione rossa e bianca a differenza del blu originale (per è +R) o dell’arancione (per i -R) del marchio Verbatim, e quindi sono abbastanza facili da individuare.

Io qui nei negozi non li ho mai visti, e in base a quanto dicono nella sezione internazionale del forum pare che questi dischi si trovino solo negli USA.

E speriamo che rimangano li :stuck_out_tongue:


#5

Grazie ancora moltissimo geno !!! :bow::bow::bow:

Allora, credo che la migliore combinazione oggi disponibile sia rappresentata da:
Lite On - scansioni DVD
Premium 2 - scansioni CD
Optiarc - masterizzazioni / lettura

Non sapevo che i Pionner di oggi avessero la stessa “malattia” dei Plextor…!!! :doh:
E in effetti sul sito gli 117 e 217 nessuna traccia…
E come dici tu prenderli usati…mhà !!! :confused::confused:

Posso rigirarti una ultima curiosità ??
Ho vari amici “malati” di gaming computer…tipi che usano raffreddamenti a liquido, try SLI e cose del genere…
Loro vanno da sempre fieri dei drive della LG!!!
Mi riportano loro esperienze sempre molto positive sia in masterizzazioni che in lettura di dischi un pò rovinati!!!
Tu che sei dentro a questo aspetto in modo più scientifico, come reputi i masterizzatori LG???
Sinceramente anch’io ho sempre visto le unità LG molto competitive…ma stranamente qui nel forum se ne è parlato non moltissimo!!!

Infine…:sad::sad::sad::sad::sad::sad:
Mi sono accorto di aver acquistato una cinquantina (50) di:
DVD +R DL 2,4X della Verbatim made in INDIA e con la scritta… PEARL WHITE
:sad::doh::sad::doh::sad::doh:

Ti prego…dimmi che la tua dritta sui Pearl White non si applica ai Dual Layer…

Ciao amico mio!!!

SCUSAAAAA una cosa che avevo dimenticato…
Sul sito on line dove acquisterò l’ Optiarc (Sony/Optiarc), c’è anche un altro masterizzatore:
chiamato sempre Sony/Optiarc, ma ha la scritta stampata “SONY” sul frontale del drive.
Il codice del prodotto é: DRU-875S.
E’ un prodotto più datato o è lì lì per uscire e quindi converrebbe attendere questo???


#6

Cominciamo dai DL :bigsmile:

Controlla il mediacode (ImgBurn va benissimo): se è MKM allora sono Verbatim autentici. Comunque non mi è mai capitato finora di leggere di dischi DL “ciofeca” con marchio Verbatim. Credo che siano comunque autentici, ma controlla il mediacode giusto per esserne certi :slight_smile:

Riguardo i drive LG, io personalmente ho un’esperienza pessima. Ho comprato tre drive LG e sono morti tutti e tre dopo qualche mese e con un numero molto basso di masterizzazioni (non più di una ventina di dischi). Fra parentesi, con quei drive ci ho masterizzato pochissimo perché facendo le scansioni ho visto che c’erano una marea di errori, circa il doppio rispetto agli stessi dischi masterizzati con Pioneer e Optiarc, quindi la qualità in scrittura di quei drive proprio non mi piaceva. Va precisato, comunque, che io sono piuttosto pignolo. Non dico che i dischi masterizzati con gli LG fossero da buttare via, ma solo che per i miei gusti personali c’erano troppi errori e la cosa non mi andava giù per niente :wink:

Io personalmente quindi gli LG li sconsiglio.

Anche come capacità in lettura i Pioneer (sempre nella mia esperienza personale) sono imbattibili.

Io conservo un DVD masterizzato illeggibile proprio per testare la capacità di lettura di un drive: quanto più avanti va il drive nella lettura del file irrecuperabile, chiaramente tanto migliore è il drive in lettura.

L’ultimo LG che ho preso è un H55N, che mi era stato indicato come un ottimo lettore per dischi rovinati. Ebbene, usando il mio “disco di test” questo LG non arriva nemmeno a metà della quantità di dati che riesce a recuperare il Pioneer. Direi che è una differenza notevole.

Comunque la grande diffusione degli LG è dovuta al fatto che quasi tutte le altre marche stanno smettendo del tutto di esportare in Europa (o in Italia), e quindi praticamente non si trova altro.

Non conosco il drive Sony DRU-875S, quindi non so dirti se sia buono o meno. Bisognerebbe fare una ricerca nella sezione internazionale per vedere se qualcuno ha postato delle scansioni e vedere come si comporta :slight_smile:


#7

SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII …!!!
:iagree::iagree::iagree::iagree::iagree::iagree::iagree::iagree::iagree:

Geno, il mediacode è MKM 001 !!!
Sono autentici…che sollievo!!!:D:D:D

Quindi ragazzi, occhio…i Verbatim Dual Layer marchiati Pearl White, sono assolutamente autentici e affidabili…a differenza del pearl White a singolo strato!!!

Per quanto riguarda il post di Lucaluca (Cordero ???),
benvenuto in questo bel forum…e nell’ attesa che anche altri espertoni di diano un consiglio, mi permetto di suggerirti (come avrai letto i post precedenti di questo thread),
che se non hai necessità di scansionare, oggi il masterizzatore che ha ricevuto più consensi sia sulle recensioni tecniche che tra gli appassionati dei vari forum, è proprio quello che hai individuato!!!
Il Sony/Optiarc della serie AD7240…
7240 versione liscia
7241 versione "Lightscribe"
7243 versione "Labelflash"
TUTTI SONO SATA !!!

CIAOOOOO!!!


#8

Il post di Lucaluca l’ho spostato in un thread separato :bigsmile:


#9

Ciao geno!!!
Sai, ho provato ad effettuare una ricerca nella sezione internazionale riguardo il masterizzatore Sony DRU-875S…
Purtroppo niente!!!
Ma grazie involontariamente a Lucaluca, che ha postato un link del sito europeo di Sony/Optiarc, mi sono accorto di questo:

Il sito ha una sezione “globale” identificata col “.com”,
una statunitense identificata col “.us”, e una europea identificata col “.eu”.
Ebbene, solo la versione “.com” presenta in intestazione della pagina web il nome “Sony/Optiarc”, nelle altre due il sito si presente con il solo nome “Sony”…
In aggiunta a questo, ho notato anche il fatto che, solo la sezione europea riporta il modello DRU-875S…
e precisamente nella sottocategoria “Retail Drives”.
I modelli di punta sono il 870 e 875 (lightscribe)…
Questo il link :
http://www.sony-optiarc.eu/

Per favore, geno, gli dai una rapida occhiata???
La confusione nasce dal fatto che tale sito web riporta sia i “DRU87x” come già detto, sotto la categoria “retail drives”, ma anche la serie “AD724x” sotto la categoria “DVD drives desktop”.
Poi il fatto che il 875 abbia il “Lightscribe” potrebbe far supporre che sia in realtà un 7241???

Mi dai un tuo parere???