Famoso tutorial hacker

vbimport

#1

Ciao raga…qualcuno si ricorda e sa dove poter reperire il famosissimo tutorial, o non saprei come definirlo, fatto da un hacker che ha girato tutta la rete…quallo che diceva + o - “potete fermarne uno…ma non ci fermerete tutti…” e che iniziava narrando di una cattura di un hacker…
insomma chi lo ha letto ha capito…
se ce l’avete oppure sapete dove trovarlo rispondete please…
thanks e ciauxx


#2

THE MENTOR: HACKER MANIFESTO

Io sono un Hacker e questo è il mio manifesto. Potete anche fermare me, ma non potete fermarci tutti… Dopo tutto, “Siamo tutti uguali”.

Ne è stato arrestato un’ altro oggi, è su tutti i giornali. “Ragazzo arrestato per crimine informatico”, “Hacker arrestato dopo essersi infiltrato in una banca”…
Dannati ragazzini. Sono tutti uguali.

Ma avete mai, con la vostra psicologia da due soldi e il vostro Tecno-cervello da anni 50, guardato dietro agli occhi dell’Hacker? Non vi siete mai chiesti cosa abbia fatto nascere la sua passione? Quale forza lo abbia creato, cosa può averlo forgiato?
Io sono un Hacker, entrate nel mio mondo…

Il mio è un mondo che inizia con la scuola… Sono più sveglio di molti altri ragazzi, quello che ci insegnano mi annoia…
Dannato sottosviluppato. Sono tutti uguali.

Io sono alle Junior School, o alle High School. Ho ascoltato gli insegnanti spiegare per quindici volte come ridurre una frazione, l’ho capito. “No, Ms. Smith, io non mostro il mio lavoro. E’ tutto nella mia testa…”
Dannato bambino. Probabilmente lo ha copiato. Sono tutti uguali.

Ho fatto una scoperta oggi. Ho trovato un computer. Aspetta un momento, questo è incredibile! Fa esattamente quello che voglio. Se commetto un errore, è perchè io ho sbagliato, non perchè io non gli piaccio… O perchè si senta minacciato da me… O perchè pensi che io sia un coglione… O perchè non gli piace insegnare e vorrebbe essere da un’altra parte…
Dannato bambino. Tutto quello che fa è giocare. Sono tutti uguali.

Poi è successa una cosa… una porta si è aperta su un mondo… correndo attraverso le linee telefoniche come l’eroina nelle vene di un tossicomane, un impulso elettronico è stato spedito, un rifugio dagli incompetenti di ogni giorno è stato trovato, una tastiera è stata scoperta.
Questo è il luogo a cui appartengo…

Io conosco tutti qui… non ci siamo mai incontrati, non abbiamo mai parlato faccia a faccia , non ho mai ascoltato le loro voci… però conosco tutti. Dannato bambino. Si è allacciato nuovamente alla linea telefonica. Sono tutti uguali.

Ci potete scommettere il culo che siamo tutti uguali… noi siamo stati nutriti con cibo da bambini alla scuola mentre bravamamo una bistecca… i pezzi di cibo che ci avete dato erano già stati masticati e senza sapore. Noi siamo stati dominati da sadici e ignoranti, dagli indifferenti. I pochi che avevano qualcosa da insegnarci trovavano in noi volenterosi allievi, ma queste persone sono come goccie d’acqua nel deserto. Ora è questo il nostro mondo… il mondo dell’elettrone e dello switch, la bellezza del baud. Noi facciamo uso di un servizio già esistente che non costerebbe nulla se non fosse controllato da approfittatori ingordi, e voi ci chiamate criminali. Noi esploriamo… e ci chiamate criminali. Noi cerchiamo conoscenza… e ci chiamate criminali. Noi esistiamo senza colore di pelle, nazionalità , credi religiosi e ci chiamate criminali. Voi costruite bombe atomiche, finanziate guerre, uccidete, ingannate e mentite e cercate di farci credere che lo fate per il nostro bene, e poi siamo noi i criminali. Si, io sono un criminale. Il mio crimine è la mia curiosità . Il mio crimine è quello che i giurati pensano e sanno non quello che guardano. Il mio crimine è quello di scovare qualche vostro segreto, qualcosa che non vi farà mai dimenticare il mio nome. Io sono un Hacker e questo è il mio manifesto. Potete anche fermare me, ma non potete fermarci tutti… Dopo tutto, “Siamo tutti uguali”.

+++The Mentor+++

January 8, 1986

p.s.
e` + bello in inglese. ciao:cool:


#3

Grazie a linuxme x averlo rispolverato.
Leggere questo manifesto ti riconcilia con la rete; concordo che la versione inglese è ancora + forte.
Ciao e grazie.


#4

old skool rulez! :wink:


#5

WOW… chi è 'sto “The Mentor”? Il padre di Eminem? :smiley:

occipiter

P.S.: comunque belle parole!


#6

ETIL-MANIFESTO

The following was written shortly after my arrest…

Ne e’ stato arrestato un altro oggi, e’ su tutti i giornali. “Ragazzo arrestato per guida in stato di ebrezza”, “Hacker arrestato dopo per avere violato l’integrita’ mentale della meta’ dei baristi esercitanti sul suolo
nazionale…”

Dannati ubriachi. Sono tutti uguali.

Ma avete mai, con la vostra psicologia da due soldi e il vostro tecno-cervello da anni 50, guardato dietro agli occhi dell’ Etil-Hacker? Non vi siete mai chiesti cosa lo abbia fatto attaccare alla bottiglia? Quale
forza ce lo tenga attaccato, cosa puo’ averlo forgiato?

Io sono un etilista, entrate nel mio mondo…

Il mio e’ un mondo che inizia con la bevuta nei cessi della scuola… Sono piu’ sveglio di molti altri ragazzi, quello che ci insegnano mi annoia…

Dannato sottosviluppato. Sono tutti uguali. Sempre dietro a bere.

Io sono alle Junior High, o alla High School. Ho ascoltato gli insegnanti spiegarmi che bere fa male. L’ho capito. Anche se so che se bevessi tu, una volta tornato a casa picchieresti tua moglie o i tuoi figli “No, Mr. Smith, io non sbocco in classe. E’ tutto nel mio stomaco…”

Dannato bambino. Probabilmente ha gia’ bevuto. Sono tutti uguali.

Ho fatto una scoperta oggi. Ho trovato un Campari. Aspetta un momento, questo e’ incredibile! Rende esattamente quello che voglio. Se commetto un errore, e’ perche’ sono fuori, non perche’ io non gli
piaccio…

O perche’ si senta minacciato da me…

O perche’ pensi che io sia un coglione…

O perche’ non gli piace insegnare e vorrebbe essere da un’altra parte…

Dannato bambino. Tutto quello che fa e’ bere! Sono tutti uguali.

Poi e’ successa una cosa…una porta si e’ aperta su un mondo… correndo ubriaco come un coglione in mutande fuori da un locale, ho scoperto che come me c’e’ tanta gente, tanta gente che ama bere, sparare cazzate, girare mentre il mondo ti gira attorno.

“Questo e’…questo e’ il luogo a cui appartengo…”

Io conosco tutti qui…non ci siamo mai incontrati, non abbiamo mai parlato faccia a faccia, non ho mai ascoltato le loro voci… pero’ conosco tutti. Questo succede quando inizi pure a mischiare…

Dannato bambino. E’ andato a letto vestito anche stasera. Sono tutti uguali.

Ci potete scommettere il culo che siamo tutti uguali… noi siamo stati nutriti con Moretti da bambini alla scuola mentre bramavamo una Desperados… i pezzi di cibo che ci avete dato erano gia stati masticati e
senza sapore. Noi siamo stati dominati da impettiti moralisti, i loro discorsi sulla sobrieta’ e sulla guida sicura ci hanno rovinato gli anni migliori. I pochi che incontri nei locali e che puoi guardare negli occhi senza scatenare una rissa e magari poterci bere qualcosa insieme (un giro a testa) trovavano in noi dei compagnoni, ma queste persone sono come gocce d’acquavite nel deserto.

Ora e’ questo il nostro mondo… il mondo del bottiglione e del grappino, la bellezza del Campari con Bianco. Noi facciamo uso di una riserva etilica gia esistente che non costerebbe nulla se non fosse controllato da approfittatori ingordi, e voi ci chiamate alcolisti perduti. Noi esploriamo l’inconscio dopo la 13° birra… e ci chiamate criminali. Noi cerchiamo conoscenza nel calduccio di un Irish pub… e ci chiamate criminali. Noi esistiamo senza colore di pelle, nazionalita’, credi religiosi, gusti alcolici e ci chiamate criminali. Voi costruite bombe atomiche, finanziate guerre, uccidete, ingannate e mentite e cercate di farci credere che lo fate per il nostro bene, e poi siamo noi i criminali.

Si, io sono un criminale. Il mio crimine e’ la mia voglia di bere’. Il mio crimine e’ quello che i giurati disprezzano, perche’ credono che il mio tenere una bottiglia in mano e berne una, dieci , cento con gli amici sia volgare, e che offenda il cittadino medio. Il mio crimine e’ quello di bere di gusto e passare una serata intera senza conoscere nemmeno il nome del mio interlocutore, semplicemente perche’ mi interessa cosa mi sta dicendo senza convenevoli e senza false cerimonie. Il mio crimine e’ quello di creare calore mentre sto fianco a fianco con uno sconosciuto solo per bermi la mia birretta…ma il mio unico crimine e’ quello di sentire la voglia di fuggire dai vostri lucidi cervelli patinati.

Io sono un Alcolista e questo e’ il mio manifesto. Potete anche fermare me, ma non potete fermarci tutti… dopo tutto, siamo tutti ubriachi fradici.

  • Vinx2o2o - December 23, 2000

“Ho bevuto cose che voi umani non potreste neanche immaginarvi…succhi
gastrici in fiamme al largo della bocca del mio esofago…e i miei amici
balenare nel delirio alle porte di un pub…e tutti questi anni…andranno
perduti come…olive nel Martini…e’ tempo…di farsi una birretta…”

hehehe…ROTFL…:slight_smile:
linuxme:cool:


#7

Purtroppo e’ cosi’: tutti uguali.
Il mio viaggio nell’underground digitale mi ha portato a capire che in realta’ l’hacker e’ un disadattato e che trova l’identita’ solo nel gruppo ribelle.

Pensavo di trovare tutto il contrario ma invece guarda un po’ cosa ti riserva il mondo.

So gia’ che qualcuno si arrabbiera’ non poco per questa mia affermazione, ma vedetela come vendetta da parte di uno molto deluso dalla comunita’ alternativa e che preferisce quasi i riti tribali evidenti e ostentati - ma onesti - dei discotecari e dei socialmente integrati che quelli andergraund.

Saluti ed esami di cos**enza a tutti voi. :o