Dvd masterizzati

Recentemente mi sono accorto che un dvd che ho masterizzato poco tempo fa presenta una strana masterizzazione, cioè è come se fosse masterizzato in due fasi, la prima parte del disco e piu scura, una secondo molto piu grande ha un colore più chiaro,naturalmente si può vedere soltanto mettendo il disco controluce, a qualcuno è successo qualcosa di simile? il dvd è un dvd+ plextor e funziona perfettamente. per curiosità mi sono messo a osservare vari dvd che avevo, e ho notato una cosa che non conoscevo(a meno che non siano solo i miei cosi) i dvd- messi controluce hanno una superfice più liscia rispetto a dvd+ che sembrano quasi rigati in maniera circolare(premetto che sono molto preciso e osservo nei minimi particolari) non so a cosa sia dovuta questa differenza,all’inizio avevo pensato fosse il masterizzatore del portatile, ma poi ho notato che questa diversità era presente anche nei dischi vuoti,forse qualcuno più esperto di me puo spiegarmelo.

Si, è abbastanza comune se il DVD è stato masterizzato in Z-CLV. Mi spiego con un esempio: un DVD±R a 8x in Z-CLV è masterizzato a:

[ul]
[li] 4x nella prima zona (quella più interna),
[/li][li] 6x nella seconda zona (quella centrale),
[/li][li] 8x nella terza zona (quella più esterna)
[/li][/ul]

(è quello che fanno, ad esempio, i masterizzatori NEC - almeno quelli che conosco io - e non è una cosa che può decidere l’utente).

Le differenti velocità di masterizzazione molto spesso danno un “colore” diverso alle varie zone, ma la cosa non pregiudica assolutamente la qualità della masterizzazione. :slight_smile:

per curiosità mi sono messo a osservare vari dvd che avevo, e ho notato una cosa che non conoscevo(a meno che non siano solo i miei cosi) i dvd- messi controluce hanno una superfice più liscia rispetto a dvd+ che sembrano quasi rigati in maniera circolare(premetto che sono molto preciso e osservo nei minimi particolari) non so a cosa sia dovuta questa differenza,all’inizio avevo pensato fosse il masterizzatore del portatile, ma poi ho notato che questa diversità era presente anche nei dischi vuoti,forse qualcuno più esperto di me puo spiegarmelo.

A questo non ho mai fatto caso, non ne so nulla, ma può benissimo essere vero…

ET

vedo che sei sempre preparatissimo. mi spiegheresti cosa si intende esattamente per Z-CLV?
per quanto riguarda la differenza tra dvd-e+ ti posso assicurare che guardando molto attentamente da vicino,e con la luce di una lampada, vedrai che la superfice dei dvd+ e lievemente diversa.

dimenticavo di dirti anche che ho un masterizzatore che arriva a 4 x e masterizzo sempre a 2,4x. cmq se ho capito bene il masterizzatore è andato a una velocità probabilmente inferiore, visto che non credo che possa andare più di quanto viene stabilito dal nero.

Confermo quanto detto da eltranquil.

Io avevo notato una cosa simile nei CD quando venivano masterizzati in multisessione: ciascuna sessione è racchiusa in un anello. Ricordo che avevo masterizzato un CD con una decina di sessioni, e a guardarlo in controluce sembravano gli anelli di saturno… :bigsmile:

Questo effetto in qualche modo è causato dal fatto che la masterizzazione sul supporto è discontinua e non costante lungo tutta la superficie come accade nella masterizzazione CAV (velocità angolare costante).

Non conosco i dettagli tecnici, ma fondamentalmente quando un supporto viene masterizzato in modalità Z-CLV succede che ogni volta che il masterizzatore finisce di scrivere la parte a una certa velocità , prima di passare a scrivere il segmento successivo a velocità superiore il laser viene spento, il masterizzatore si ricalibra in qualche modo, e poi inizia a scrivere il segmento successivo a velocità più alta. Quando il laser si spegne, però, è impossibile fare in modo che la masterizzazione ricominci nello stesso punto esatto della spirale in cui è stata interrotta, per cui il laser viene spostato sulla spirale successiva. Questo crea una sorta di buco che ad occhio nudo è visibile con l’effetto descritto da giuseppe3000.

Il buco in questione si nota anche ogni volta che intervengono i meccanismi di buffer underrun, cioè ogni qualvolta che il masterizzatore spegne il laser perché il buffer si è svuotato, per evitare che il disco venga bruciato per mancanza di afflusso dati. E’ anche possibile (anche se ritengo l’ipotesi di eltranquil più probabile) quindi che il disco in questione abbia avuto più episodi di svuotamento del buffer.

La traccia rimasta vuota, comunque, non pregiudica la leggibilità del disco, anche se la traccia vuota costituisce a tutti gli effetti un errore, ma questo errore viene compensato durante la lettura esattamente come gli errori rilevati durante le scansioni eseguite col cd-dvd speed o col kprobe.

Z-CLV è la sigla che indica Zone-Constant Linear Velocity, cioè velocità lineare costante a zone.

Si tratta di un metodo di scrittura dei supporti che prevede la divisione della superficie masterizzabile in zone (vedi figura allegata). All’interno di ciascuna zona il masterizzatore fa ruotare il disco a velocità lineare costante mentre scrive i dati sul supporto. Quando la zona finisce, il masterizzatore aumenta la velocità di rotazione e scrive la zona successiva a velocità maggiore. E così via finché non scrive tutto il disco.


No, non è vero… i masterizzatori di ultima (ma anche penultima) generazione sono in grado di riprendere la masterizzazione quasi esattamente dal punto in cui si è interrotta. Il trucco è che quando viene interrotto il flusso di dati ciò accade in posizioni particolari del disco. L’effetto della interruzione/ripresa di scrittura è un gap che va dai 40 ai 45 millisecondi, e il limite imposto dalle specifiche Orange Book (quelle dei supporti CD registrabili) è di un tempo non superiore ai 100 millisecondi di lunghezza tra due dati registrati, quindi l’effetto dell’interruzione è ben dentro le specifiche stesse. Imperfezioni del disco, polvere e simili possono produrre gap di dimensioni anche maggiori, che vengono tranquillamenti corretti dall’hardware. Ma sicuramente nulla di ciò è visibile a occhio nudo. :wink:

Se vuoi qualche ulteriore dettaglio tecnico, vai pure su http://www.burn-proof.com/ .

Tieni presente che quando con il BenQ masterizzi un CD o un DVD con WOPC attivato, il flusso di scrittura viene interrotto molte volte perchè il laser passa in modalità lettura per controllare la qualità di quello che ha appena scritto (pensa alla curva del write transfer rate di CD-DVD Speed). Ma siccome il CD/DVD è scritto in CAV non noti nessuna discontinuità …

I dischi multisessione e il Track-At-Once invece sono una cosa diversa.

Ciao, :slight_smile:

ET

eltranquil, riguardo alla tua risposta:
Si, è abbastanza comune se il DVD è stato masterizzato in Z-CLV.

devo dirti che nel mio caso non è cosi, visto che ho controllato e ho visto che di tipo CAV.
cmq tra tanti dischi che ho fatto quello credo sia l’unico in quel modo
spero non sia un segno del masterizzatore che sta andando.

Stranamente ho notato con SolidBurn (c’ho attivato anche OverSpeed) i Dvd in multi-sessione certe volte li fa con velocità di scrittura a 8x ad es. ad 8x e altre a 4x e si notano sul lato scritto diverse gradazioni a seconda della velocità di scrittura.

Grazie per la precisazione eltranquil. :bow:

Pensavo che l’interruzione di scrittura nella Z-CLV creasse delle interruzioni della scrittura di ampiezza tale da rendere i dischi simili a quelli scritti in multisessione, ma grazie a questo forum non si finisce mai di imparare.
:bigsmile:

… ho fatto una prova da paranoia… esattamente questa…

Ho masterizzato un DVD in Z-CLV poi l’ ho ricatturato direttamente dal lettore con la matrox RTX 100 e messo sulla timeline di PrimierePro 1.5 poi ho impostato un rallenty del 70% quindi rispedito direttamente al televisore al plasma (risoluzione 1320 x 760) e qui!!!.. sorpresa il filamato mostrava degli piccoli scatti … ergo il mast non riesce a riprendere l’incisione, per quanto sia veloce la riaccensione, “esattamente” dal punto dove l’interrompe quindi non si può parlare di una masterizzazione precisa… stessa prova l’ho fatta con un DVD masterizzato in CAV e gli scatti non si notavano… chiaro che con un rallenty del genere (attenzione niente a che vedere con la moviola) i frames non sono il massimo…

Ho il dubbio che per l’amico che ha iniziato il thread sia cascato su un supporto scadente.

Ciaooo a tutti

Hai fatto bene: di …paranoici ce ne sono parecchi in questo forum, e sono tutti benvenuti (almeno so di non essere solo :bigsmile: :bigsmile: :bigsmile: )

Comunque per dire che il supporto fosse scadente forse è più attendibile una scansione del supporto stesso. Le osservazioni di giuseppe3000 erano state fatte ad occhio nudo, mentre le tue sono state fatte con mezzi tecnologici non proprio terra terra. Questo non implica automaticamente che il supporto sia scadente, ma che è stato masterizzato con una specifica tecnica di scrittura.

Anche una superficie perfettamente levigata osservata al microscopio appare scabra come un canyon

… certo concordo in toto ma i miei T.Y. o Verbatin visti dopo la mast sono omogenei nel colore anche se in Z-CLV o P-CAV mentre i Princo sembrano un’arcobaleno :a :a

Ciao

Giuliano

E non hai visto come risplendono quando, in forma di coasters, li tiro dalla finestra a mo’ di fresbee :bigsmile: :bigsmile: :bigsmile: :bigsmile: :bigsmile:

… li ho usati al posto dei piattelli in un allenamento di tiro. :clap: :clap: :clap: :bigsmile:

ciaooo

:bigsmile: :bigsmile: :bigsmile: :bigsmile:

e se invece di coloro diversi tra le varie zone del masterizzatore , ci fosse un piccola linea che risulta non masterizzata ? io possiedo un liteon 451s ed ultimamente masterizza tutti i dvd(verbatim) con una linea di colore piu chiaro(tipo il colore del dvd vuoto) di circa 1 cm di lunghezza…ho provato a vedere se i vari dvd presentavano problemi , ma non risulta. Cmq è una cosa strana…nn è che sta partendo la lente del mio mast ? tnx per le info

Sono dischi scritti in multisessione? Se si credo che sia una cosa normale che ci sia questo… chiamiamolo buco anche se non sono sicuro che sia il termine corretto, tra una sessione e l’altra. Comunque, se il disco è perfettamente leggibile io non mi preoccuperei.

Semmai la cosa di cui mi preoccuperei di più è la compatibilità dei dischi scritti in multisessione, perché qualche lettore non li legge.

… quoto… il classico lavoro in multisessione … si nota anche nei CD.

ciaooo

Giuliano

Ciao , grazie per le risposte ; oggi ho verificato , effettivamente la maggior parte sono dischi multi sessione , ma ho provato a farne anche di altri tipi(ovvero masterizzare immagini o creare dvd da masterizzare) e la riga è cmq presente…i dvd vanno…però appunto nn vorrei che si creassero problemi di compatibilità nel leggere codesti supporti :frowning: