Consiglio sulla scelta di un masterizzatore esterno per scopi ben precisi: Aiuto nella scelta! :-)

vbimport

#1

Ciao a tutti,

mi serve un masterizzatore esterno da usare come unità principale per:

  • masterizzare audio di elevata qualitÃ

  • qualità nel rippare audio in FLAC

  • scansione dei CD-R

In particolare su che modello mi consigliate di orientarmi?

Le soluzioni sono, prendo un masterizzatore “nato” esterno, oppure compro un masterizzatore interno e lo monto dentro un box da 5 pollici sempre con porta USB.

PREMESSA: MASTERIZZO SOLO A VELOCITA BASSISSIMA, 4X O ANCHE MENO.

Mi interessa prevalentemente la qualità di masterizzazione CD-R, il resto non mi rigurda più di tanto, ogni tanto faccio dei DVD di backup dati ma nulla di essenziale visto che uso HD.

Per le scansioni cosa mi consigliate come software?

Opti drive control facndo DISC QUALITY va bene?

Quali parametri massimi per una scansione di qualità di un CD-R? (dopo mesi di archiviazione)

Grazie


#2

Ciao e benvenuto! :slight_smile:

In attesa che ti risponda Geno (il mod. del forum), posso darti per intanto io qualche risposta.

Innanzitutto la regola del masterizzare audio a 4x non ha più valore da anni. Il motivo - sostanzialmente - è che i drive ed i supporti sono stati “ottimizzati” per velocità abbastanza sostenute. Anzi, spesso masterizzare a velocità inferiori a 16x significa ottenere dei risultati abbastanza deludenti. Questo non solo in termini di errori C1/C2 ma anche in termini di livello Jitter.

Se fai una ricerca nel forum noterai che a suon di test e di scansioni siamo riusciti a determinare una velcità ottimale per l’audio quantificabile in 16x. Ne abbiamo parlato per mesi e mesi “bruciando” decine di supporti. :sad:

Ovvio che NON è una regola assoluta, il tutto può variare ovviamente dalla qualità dei supporti usati, dal masterizzatore, ecc… ecc…

Soprattutto l’unica “regola” veramente valida è la qualità del supporto, secondo me.

I Taiyo Yuden alla fine rimangono i CD-R (e credo anche i DVD) migliori in assoluto, maglrado anche loro abbiano subito una leggere flessione in termini di qualità .

OptiDriveControl credo sia una dei pochi software ancora in circolazione che permettono le scansioni ed i test… attenzione però che non è detto che funzioni con tutti i masterizzatori per 2 motivi:

  1. motivi di marketing e licenze di natura commerciale
  2. non tutti i masterizzatori sono preposti alle scansioni

Io, per esempio, ho un Plextor e i test li faccio conPlextools; è un abbinamento che funziona alla grande.

Quanto ai parametri di scansione, la Plextor consiglia la regola che più bassa è la velocità di scansione maggiore è l’attendibilità del risultato.
Ovvio che devi perderci parecchio tempo ed avere molta molta pazienza.

Per tutto il resto ti rimando a Geno… vedrai che saprà esporti e chiarirti meglio di chiunque altro ogni dettaglio tecnico.

:slight_smile:


#3

Grazie del benvenuto!

Tra l’altro avrei anche un altra domanda:

  • MA SE FACCIO UNA COPIA 1:1 TRAMITE NERO/CLONE CD DI UN DISCO CHE SI STA DETERIORANDO, RISCHIO DI INTRODURRE DEGLI ERRORI ANCHE NEL DISCO VERGINE DI DESTINAZIONE? Anche se di qualità massima?

Io pensavo che masterizzare a 4X fosse sempre la cosa migliore, ma questo porta a problemi o posso continuare senza causare nulla di strano al mio supporto? Vorrei solo la massima qualità … in un epoca dove questa parola sembra strana. Cavolo ho dei cd masterizzati a 1X ancora oggi perfetti dopo 30 anni.

Il problema maggiore è trovarli i taiyo… in giro ci sono troppi falsi e sinceramente non so dove acquistarli.

Ho acquistato degli INTENSO 52X a 10 centesimi l’uno e devo dire mai avuto problemi, ma voglio vedere da 2 anni cosa sarà rimasto di leggibile…

Il loro media code comunque è moes baer, come i verbatim extra protection bianchi.

Per rischiare dei prendere dei yuden falsi, meglio gli intenso a quel punto. Che poi ripeto, magari sono pure ottimi, non ho mezzi per determinarlo.

I tayo yuden dove posso acquistarli con fiducia di non trovarmi dei falsi?

Insomma, non so bene su cosa orientarmi, ne come masterizzatore ne come cd-r

Tra l’altro avrei anche da scrivere dei DVD, quindi anche qui, senza rasentare la perfezione che nn esiste, vorrei qualche cosa di ben leggibile.

Fatemi sapere e grazie di nuovo


#4

[QUOTE=Antigen;2572775]Grazie del benvenuto!

Tra l’altro avrei anche un altra domanda:

  • MA SE FACCIO UNA COPIA 1:1 TRAMITE NERO/CLONE CD DI UN DISCO CHE SI STA DETERIORANDO, RISCHIO DI INTRODURRE DEGLI ERRORI ANCHE NEL DISCO VERGINE DI DESTINAZIONE? Anche se di qualità massima?
    [/quote]
    Da quanto ne so, uno dei fattori più importanti, oltre alla qualità dei supporti e del masterizzatore, è la metodologia e la qualità di estrazione.
    Ovvio che se il CD originale presenta graffi o qualsiasi altro tipo di deterioramento, penso che ci sia ben poco da fare.

Il problema maggiore è trovarli i taiyo… in giro ci sono troppi falsi e sinceramente non so dove acquistarli.

Li trovi qui:

http://www.nierle.it/

è un sito serio ed affidabile

Ho acquistato degli INTENSO 52X a 10 centesimi l’uno e devo dire mai avuto problemi, ma voglio vedere da 2 anni cosa sarà rimasto di leggibile…

Il loro media code comunque è moes baer, come i verbatim extra protection bianchi.

Credo siano fra i peggiori supporti esistenti sul mercato. Parlo per tristi e dolorose esperienze personali.
I Verbatim extra protection (che NON sono più i gloriosi AZO di una volta blu scuro) , come d’altro canto I TDK, gli Intenso at similia, ciè tutti quei CD-R prodotti dalla malefica Moser Baer indiana, a mio avviso fanno davvero pena. :Z:Z:Z

Non lo dico per partito preso, lo dico per scansioni e test fatti.

Per rischiare dei prendere dei yuden falsi, meglio gli intenso a quel punto. Che poi ripeto, magari sono pure ottimi, non ho mezzi per determinarlo.

I tayo yuden dove posso acquistarli con fiducia di non trovarmi dei falsi?

Insomma, non so bene su cosa orientarmi, ne come masterizzatore ne come cd-r

Tra l’altro avrei anche da scrivere dei DVD, quindi anche qui, senza rasentare la perfezione che nn esiste, vorrei qualche cosa di ben leggibile.

Fatemi sapere e grazie di nuovo

Vedi il sito che ti ho consigliato sopra


#5

Ecchime :bigsmile:

Mi associo al benvenuto :slight_smile:

[QUOTE=Antigen;2572755]mi serve un masterizzatore esterno da usare come unità principale per:

  • masterizzare audio di elevata qualità [/quote]
    Questo dipende dall’audio che devi masterizzare: se è di bassa qualità già in partenza, nessun masterizzatore lo potrà trasformare in audio di alta qualità . Un po’ come chi masterizza un CD audio a partire da file mp3: il risultato non sarà mai identico al CD originale.

Qualsiasi drive capace di leggere un disco è in grado di rippare ad "alta qualità ". Nota che ho usato le virgolette. Infatti, c’è sempre la tendenza a ritenere che ci siano drive capaci di rippare “con qualità migliore” di altri. In realtà questa cosa non ha alcun senso. I CD audio non sono affatto diversi dai CD dati, e cioè sono una sequenza di 0 e 1 che il drive legge e copia pari pari sul disco rigido.

Quindi, finché il disco è leggibile, qualsiasi drive sarà capace di trasferire sul computer le tracce audio con la medesima qualità del CD :slight_smile:

Ahi ahi… qui la faccenda si complica. Al momento in commercio non ci sono drive affidabili per fare le scansioni dei CD. Il non plus ultra erano i Plextor cosiddetti “autentici”, cioè prodotti dalla Plextor stessa. I drive marchiati Plextor che si trovano oggi in commercio purtroppo sono prodotti da altre aziende e poi ri-marchiati. Di conseguenza, prendendo un plextor oggi in realtà compreresti un liteon o un LG a un prezzo enormemente maggiorato rispetto al drive originale corrispondente. Quindi non ne vale la pena, anche perché poi le scansioni non potresti farle comunque.

Quindi, se riesci a trovare un Plextor Premium da qualche parte è sicuramente la scelta migliore. Altrimenti devi ripiegare su un liteon con chipset Mediatek.

Il problema è che sebbene i drive liteon siano relativamente facili da trovare, non tutti quelli commercializzati contengono il chipset mediatek, ma quasi tutti quelli reperibili in Europa (per chissà quale ragione assurda poi) contengono un chipset NEC, che è totalmente inadatto per le scansioni.

A peggiorare ulteriormente le cose, quasi mai i negozi specificano le informazioni necessarie per cercare di risalire al chipset montato sul drive (c’è una sigla scritta sull’etichetta del drive o sulla scatola nel caso dei modelli in versioni retail). Quindi in pratica si compra alla cieca senza sapere cosa si prende realmente.

Allo stesso tempo, però, va considerato un particolare un po’… strano :doh:

Infatti, secondo alcuni utenti della sezione internazionale del forum, alcuni drive NEC/Optiarc sono ritenuti attendibili per le scansioni dei CD (ma non per i DVD). Quindi, secondo loro, con uno di questi drive (ma nessuno ha mai fatto una lista precisa di quali modelli specifici) per le scansioni dei CD (ma, ripeto non dei DVD) saresti a posto.

Preferisci comprare online o in un negozio? Online trovi molta più varietà di modelli.

Le due soluzioni sono assolutamente identiche. Quindi scegli tu quella che preferisci :slight_smile:

Come ha già detto Luka, il discorso della velocità che “più bassa è meglio è” non è sempre valido, ma dipende largamente dai dischi usati.

Ed eccoci al nodo principale del discorso :bigsmile:

Il fattore principale nella qualità di scrittura al giorno d’oggi non è il masterizzatore ma i dischi. Usando dischi di provata qualità , come ha già detto Luka, praticamente qualsiasi masterizzatore produce dischi di qualità . Vale lo stesso discorso fatto sopra: nessun drive può trasformare un disco di bassa qualità in un ottimo supporto. Nella sezione internazionale usano un’espressione un po’… colorita per descrivere questo fenomeno: “shit in --> shit out” :stuck_out_tongue:

[QUOTE=Antigen;2572755]Per le scansioni cosa mi consigliate come software?

Opti drive control facndo DISC QUALITY va bene?[/quote]
Si, va benissimo :slight_smile:

L’interpretazione delle scansioni è un po’ un terreno minato. Come prima cosa ti suggerisco di leggere la guida di [B]eltranquil[/B] :slight_smile:


#6

[QUOTE=geno888;2572782]Le due soluzioni sono assolutamente identiche. Quindi scegli tu quella che preferisci :slight_smile:

[/QUOTE]

Geno forse non hai ancora letto il mio post di ieri sera: sia NeroDiscSpeed che OptiDriveControl hanno delle difficoltà nelle scansioni con i masterizzatori USB :frowning:

Quindi, ipotizzo, se la scelta del masterizzatore deve essere fatta “anche” in funzione delle scansioni, allora io opterei per un masterizzatore NON USB! :slight_smile:


#7

A dire il vero io ho fatto scansioni senza problemi collegando il liteon sata alla porta USB




#8

[QUOTE=geno888;2572788]A dire il vero io ho fatto scansioni senza problemi collegando il liteon sata alla porta USB[/QUOTE]

Beato te che ci sei riuscito!

Io manco con un mitra puntato sul masterizzatore! :sad:


#9

Dunque,
dopo l’attenta analisi che mi avete proposto.
bhe, comprerò dei CD della tayo yuden da NIERLE. Vedo però che sono dei JVC… sono originali???
Mi potreste passare il link di qualche cosa da voi comrpato di affidabile?
Secondo punto, compro anche online il masterizzatore:

  • quale modello mi consigliate per avere quanto da me cercato?

Per il discorso velocità masterizzazione, non ho ben capito se masterizzare a 4X sia controproducente o meno. Nel caso non fosse controproducente preferirei usare la minima velocità , solo per un discorso di migliore qualità dei pit che vengono incisi.

I drive della OPTIARC come sono? Vedo un surplus di LG, Samsung e Liteon… ma senza modello specifico mi viene difficile scegliere, preferirei mi deste qualche consiglio per indirizzarmi su qualche cosa con un pickup e incisione validi.


#10

Ma questi sarebbero i Tayo Juden di cui sento tanto parlare???

Senza nemmeno uno strato protettivo o altro sullo strato esterno???

http://www.nierle.com/it/articolo/3502/CD-R_80_Min-700_MB_Taiyo_Yuden_48x_senza_stampo_in_fuso_di_100_pezzi.html


#11

Innanzitutto benvenuto!

Per incasinare un po’ la questione aggiungo che riesco a fare scansioni bellissime con il Plextor 760A in un Box Firewire E le Plextools vecchie con Windows Seven :bigsmile::bigsmile::bigsmile:


#12

[QUOTE=FlyingLuka;2572791]Beato te che ci sei riuscito!

Io manco con un mitra puntato sul masterizzatore! :sad:[/QUOTE]
Potrebbero essere le Plextool il problema?

[QUOTE=Antigen;2572792]Dunque,
dopo l’attenta analisi che mi avete proposto.
bhe, comprerò dei CD della tayo yuden da NIERLE. Vedo però che sono dei JVC… sono originali???
Mi potreste passare il link di qualche cosa da voi comrpato di affidabile?
Secondo punto, compro anche online il masterizzatore:

  • quale modello mi consigliate per avere quanto da me cercato?

Per il discorso velocità masterizzazione, non ho ben capito se masterizzare a 4X sia controproducente o meno. Nel caso non fosse controproducente preferirei usare la minima velocità , solo per un discorso di migliore qualità dei pit che vengono incisi.

I drive della OPTIARC come sono? Vedo un surplus di LG, Samsung e Liteon… ma senza modello specifico mi viene difficile scegliere, preferirei mi deste qualche consiglio per indirizzarmi su qualche cosa con un pickup e incisione validi.[/QUOTE]

JVC è la marca che distribuisce uffiicalmente i Taiyo Yuden, quindi sono autentici :slight_smile:

Per il discorso della velocità di masterizzazione, la nitidezza dei pit e land dipende dal substrato organico usato per fabbricare il disco (cioè quella sostanza chimica che viene incisa dal laser). I substrati usati per i dischi certificati ad alta velocità danno risultati peggiori se masterizzati troppo lentamente. Quindi 4x coi dischi di recente produzione potrebbe essere molto peggio di 16x o 8x. O addirittura anche di 32x.

Purtroppo, a causa dell’enorme variabilità dei dischi in commercio non c’è modo di fare regole univoche per tutti. Dipende dai dischi che ti capitano.

I drive Optiarc sono ottimi, ma preferibilmente prendi un 724x o un 726x (la x può essere un numero diverso: 0 per il drive standard, 1 per il modello lightscribe, 3 per il modello labeltag; a prescindere da queste differenze i vari modelli sono identici).

Anche i samsung non sono del tutto malvagi. Alcuni ritengono che per i CD audio gli LG siano enormemente meglio dei liteon, ma io non ho mai fatto test a riguardo.

Se riesci a trovare un Pioneer 116 sarebbe meglio, ma temo che sia un’impresa impossibile :frowning:


#13

[QUOTE=Antigen;2572797]Ma questi sarebbero i Tayo Juden di cui sento tanto parlare???

Senza nemmeno uno strato protettivo o altro sullo strato esterno???

http://www.nierle.com/it/articolo/3502/CD-R_80_Min-700_MB_Taiyo_Yuden_48x_senza_stampo_in_fuso_di_100_pezzi.html[/QUOTE]

Ma dai! Vuoi dire che credi alla favola della “protezione” inventata dall’ ufficio marketing della Verbatim??? :bigsmile::bigsmile::bigsmile:

E anche fosse vera, preferisci un CD con strato protettivo MA pieno zeppo di errori e che butterai via dopo qualche anno oppure uno SENZA strato protettivo ma che è affidabile e con un basso numero di errori?


#14

[QUOTE=geno888;2572801]Potrebbero essere le Plextool il problema?

[/QUOTE]

Più che le Plextool che sono disattivate dall’ avvio automatico, forse è il Plextor stesso…

Oppure vuoi dire che i due programmi fanno a pugni indipendentemente dal fatto che siano avviati o meno?


#15

[QUOTE=Antigen;2572797]Ma questi sarebbero i Tayo Juden di cui sento tanto parlare???

Senza nemmeno uno strato protettivo o altro sullo strato esterno???

http://www.nierle.com/it/articolo/3502/CD-R_80_Min-700_MB_Taiyo_Yuden_48x_senza_stampo_in_fuso_di_100_pezzi.html[/QUOTE]

Ti riferisci alla confezione o ai dischi? La TY ha sempre venduto i propri dischi in confezioni totalmente anonime e senza fronzoli.

Sui dischi lo strato protettivo (se ti riferisci al lato “etichetta” e non alla superficie che viene incisa dal laser) c’è eccome, solo che non c’è nessun fronzolo sul disco, nessun marchio stampato o altro.

Per quanto ne so io quei dischi sono autentici, ma se non ti convincono prendi i JVC che come ho detto prima è il distributore ufficiale Taiyo :slight_smile:


#16

[QUOTE=FlyingLuka;2572805]Più che le Plextool che sono disattivate dall’ avvio automatico, forse è il Plextor stesso…

Oppure vuoi dire che i due programmi fanno a pugni indipendentemente dal fatto che siano avviati o meno?[/QUOTE]

Forse è meglio spostare questa cosa su un thread separato altrimenti facciamo confusione :slight_smile:


#17

Ho trovato un piooner 112D usato ma che sembra andare bene, voi cosa ne pensate? Unico difetto lo sportell che si chiude a mano…

I JVC quindi sono TAYO e sono sicuri e garantiti contro fake giusto? Tra JVC e Taijo consiglio vostro… cosa prendereste direttamete?

Ultimissima domanda… a questo punto del discorso mi viene da chiedere una cosa, se masterizzare lentamente può essere addirittura controproducente.

C’è un test oppure una pratica per poter capire qual’è la migliore velocità o il masterizzatore capisce da se cosa fare e lascio sempre la massima velocità impostata?

Unica cosa, il il buffer-undderrun o come si scrive, lo disattivo sempre, meglio un cd bruciato che uno con strani artefatti dovuti a spegnimenti laser.


#18

[QUOTE=Antigen;2572816]
I JVC quindi sono TAYO e sono sicuri e garantiti contro fake giusto? Tra JVC e Taijo consiglio vostro… cosa prendereste direttamete?

[/QUOTE]

Da quanto ho letto e da quanto mi ha scritto un fornitore, la causa di un leggero decadimento qualità da parte dei Taiyo Yuden è da imputarsi all’ incorporamento della T.Y alla JVC.

Ergo che penso siano meglio i T.Y. ante JVC, cioè quando la T.Y era una casa indipendete…se si trovano ancora in giro.

Compra da un sito qualificato e vedrai che non becchi nessun “fake” !


#19

[QUOTE=Antigen;2572816]

Unica cosa, il il buffer-undderrun o come si scrive, lo disattivo sempre, meglio un cd bruciato che uno con strani artefatti dovuti a spegnimenti laser.[/QUOTE]

Sono d’accordo, anche perchè a meno che uno non si metta a fare l’impossibile in fase di masterizzazione, credo che i varii sistemi di buffer underun non servano ad un tubo.

Avevano ragione di esistere anni fa… all’alba delle masterizzazioni e quando un cd vergine costava circa 15.000 lire.

Penso che oggi come oggi sia del tutto inutile…o quasi.

Conosco gente ad ogni modo che mentre masterizza gioca on line, scarica, chatta, si vede un DVD con un altro msterizzatore e nel contempo ha un centinaio di applicazioni che girano in background; insomma un po’ di tutto… questo credo sia il tipico caso dove si impone assolutamente l’uso del buffer underun :bigsmile:


#20

[QUOTE=Antigen;2572816]
Ultimissima domanda… a questo punto del discorso mi viene da chiedere una cosa, se masterizzare lentamente può essere addirittura controproducente.

[/QUOTE]

[QUOTE=FlyingLuka;2572773]Innanzitutto la regola del masterizzare audio a 4x non ha più valore da anni. Il motivo - sostanzialmente - è che i drive ed i supporti sono stati “ottimizzati” per velocità abbastanza sostenute. Anzi, spesso masterizzare a velocità inferiori a 16x significa ottenere dei risultati abbastanza deludenti. Questo non solo in termini di errori C1/C2 ma anche in termini di livello Jitter.

[/QUOTE]

Vai a 16x come punto d’inizio. Poi fai delle prove decrementando la velocità !

:wink: