Celle di Peltier

ciao ragazzi…
visistando siti di modding e overclock ho notato queste cose… mi sapete dire cosa sono e a cosa servono?
da quello che posso immaginare potrebbero servire o a evitare la condensa dei raffreddamenti a liquido o non so che altro… ditemi voi… sono curioso…
su www.pctuner.net le vendono… ma nelle descrizioni non c’è scritto a cosa servono…

Ciao!
Dunque le celle di Peltier non sono altro che delle sottili lamine tutte popolate di semiconduttori collegati fra di loro.
Praticamente scaldano da una parte e congelano dall’ altra.
Bisogna stare attenti alla condensa!

mmmsiii…piu’ che altro l’effetto peltier si manifesta con una differenza di temperatura tra i lati opposti di una cella
mi spiego:
tipicamente circa 60° tra i due lati il che vuol dire che se io riesco a portare il lato “caldo” a temperatura ambiente,il lato "freddo sara’ ad una temperatura inferiore di 60°!!!
se a questo punto il lato freddo lo schiaffi su di un processore allora puoi raggiungere temperature veramente “glaciali” (puoi leggere di processori con t=-25° sotto carico,immaginati gli overclock che si possono tentare)…

pero’ ci sono dei bei problemi da risolvere…la cella si comporta come una pompa termica e per raffreddare un lato dovra’ necessariamente scaldarne (e MOLTO) un altro,il che comporta quantita’ enormi di calore da asportare…il che ti porta ai sistemi di raffreddamento a liquido che hai visto:in pratica,il sistema a liquido serve ad asportare l’enorme quantita’ di calore generata dalla cella di peltier,inoltre,viste le temperature MOLTO basse che puoi raggiungere sul lato freddo sovente si presentano problemi di formazione di condensa che se non correttamente affrontati portano ad acqua che gira su uno stampato alimentato e ZZZAPP!! -cortocircuito-

al momento le celle di peltier sono in declino,anche perchè é molto piu’ facile comperare un processore + veloce che affrontare la spesa affatto trascurabile dell’impianto (dimenticavo,servono anche alimentatori MOLTO grossi,per niente economici) per ritrovarti con un computer che comunque tra sei mesi sara’ raggiunto dai processori “normali”

piu’ che altro sono state una sfida,molto divertente ma ormai fuori moda :slight_smile:

A sto punto esistono dei compressori refrigeranti che costono qualche centinaio di €, ma che raggiungono ugualmente quelle temperature (ovviamente sono molto ingombranti). Cmq alla fin fine un sistema a liquido forse è il migliore come rapporto qualità /prezzo (puoi anche arrivare a -100°, ma non puoi permettere dei valori troppo fuori specifica sulle PCI e sull’AGP, altrimenti il sistema rimane instabile anche con la Cpu con le stalattiti sotto !!! :smiley: :smiley: :smiley: )

azz! che figata però! ma come si fa ad evitare la condensa sul core? :confused: cmq mi sembra una buona cosa… soprattutto visto il prezzo piuttosto basso… per il raffreddamento che produce… :slight_smile: 56€ per una cella da 226W… :stuck_out_tongue: ma l’unica cosa che mi lascia titubante è il fatto della condensa… come fare a evitarlo?

HPDxxx…prova a stare lì con uno straccetto :slight_smile:

gia’ la condensa…il GROSSO problema:

da quel che ho visto hanno risolto il problema letteralmente SIGILLANDO la connessione tra il processore e la cella per mezzo di parti in schiuma poliuretanica fatti apposta…roba da matti! :frowning:

secondo me,alla fine costa meno (e sopratutto fa meno rumore) un processore + grosso…fate vobis:bigsmile:

alla SMAU c’era in dimostrazione un P4 a 3,4Ghz!!!
raffreddato a liquido… con un radiatore pauroso… e le celle di peltier! vi dico solo che ha funzionato TUTTO il giorno aal 100% e la temperatura del processore era di -27°C :eek: :eek: :eek: