Backup dati: meglio dvdrom o dvdram?

vbimport

#1

ciao a tutti vorrei porvi una domanda a voi che avete molta più esperienza:bow: del sottoscritto nel campo, ultimamente sono stato costretto a fare dei backup di dati vari su dvd, con l’amara sorpresa che dopo un pò di tempo i dvd erano illeggibili:sad:pur avendo preso tutte le precauzioni del caso (almeno mi era sembrato…) supporti tdk, masterizzatore pio 109 e 212, velocità max 8x e controllo della masterizzazione (per quello che può valere) nonostante tutto nn è servito a molto.
parlando con un negoziante midiceva che i dvdram sono migliori per questi scopi. voi cosa mi consigliate?


#2

Il problema è che i dischi TDK non sono esattamente il massimo della qualità disponibile :frowning:

I dischi RAM effettivamente offrono qualche garanzia in più riguardo la salvaguardia dei dati, ma in realtà ci sono anche dei grossi svantaggi. Andiamo con ordine.

I dischi RAM sono dei supporti riscrivibili (cioè dei dischi che si possono cancellare e riscrivere un certo numero di volte). Come tutti i riscrivibili, possono essere masterizzati solo un numero limitato di volte, dopo il quale diventano inutilizzabili. E questo è il primo svantaggio.

Il vantaggio principale dei dischi RAM è che durante la scrittura il drive verifica che i dati appena scritti siano stati masterizzati correttamente. Se ci sono degli errori, quel settore del disco viene riscritto e verificato, e continua così finché la scrittura non viene completata senza errori. Questo da un lato garantisce che il disco viene scritto senza errori, ma dall’altra parte la scrittura è lentissima e se il disco è danneggiato in quel settore rischi di aspettare delle ore prima che il drive si decida a rinunciare e a segnalare che il disco è rovinato.

Un altro difetto dei RAM è che non tutti i masterizzatori riescono a scriverli. Molti dei masterizzatori introdotti recentemente in commercio in effetti ormai gestiscono anche i dischi RAM, ma se non hai già uno di questi masterizzatori sarai costretto a comprarne uno nuovo (il che non è una tragedia per il vero maniaco dei masterizzatori come lo siamo noi giusto? :p)

Un altro difetto dei dischi RAM è che non si trovano in tutti i negozi, e inoltre costano parecchio di più rispetto a un disco normale. Un disco RAM può costare anche intorno ai 5 euro, ma in genere (come per tutti gli altri supporti) se li compri in qualche negozio online li puoi trovare a prezzi molto più bassi.

Se devi conservare dati importanti, in ogni caso la regola principale è di [B]NON USARE MAI dei dischi riscrivibili[/B], perché per definizione questi dischi (compresi i RAM) possono essere cancellati e quindi sono a rischio molto più alto di perdita dati rispetto ai dischi che si possono scrivere una volta sola.

La cosa migliore per conservare i dati al sicuro è seguire le seguenti regole:

[ul]
[li]Usare sempre e solo dischi di provata qualità , cioè Verbatim e Taiyo Yuden (tutte le altre marche hanno una qualità variabile dall’appena decente alla schifezza più totale)
[/li][li]Fare più di una copia dei dati da conservare in posti differenti. Se un disco si danneggia in qualche settore, ci sono sempre le altre copie. In questo modo, anche se entrambe le copie diventnao illeggibili, è comunque molto difficile che tutte le copie diventino illeggibili nello stesso identico punto, quindi puoi recuperare comunque tutti i dati prendendone un po’ da ciascun disco
[/li][li]Fare più copie degli stessi dati (ridondanza è ancora la parola d’ordine ;)) su supporti diversi. Questo dipende anche dal portafogli, ovviamente, ma la cosa migliore è conservare un paio di copie su DVD e un altro paio di copie su disco rigido. Ormai i dischi rigidi esterni (da collegare tramite la porta USB) hanno raggiunto prezzi molto abbordabili, e quindi sono un modo conveniente di conservare i dati. Tieni presente comunque che anche per gli hard disk c’è la regola di usare prodotti di qualità . Alcune marche fanno dischi che si danneggiano molto facilmente (tipo la Samsung, i cui dischi si rompono con una facilità estrema; molti si lamentano anche dei Maxtor)
[/li][/ul]


#3

[QUOTE=geno888;2059826] Alcune marche fanno dischi che si danneggiano molto facilmente (tipo la Samsung, i cui dischi si rompono con una facilità estrema; molti si lamentano anche dei Maxtor)[/QUOTE]

Il discorso mi interessa molto (peccato che sia un tantino OT :bigsmile:): è possibile conoscere le fonti delle tue statistiche? Perchè, a me, i Samsung risultavano abbastanza affidabili :confused:
Che tu sappia, qualcuno è riuscito a venire in possesso dei risultati dettagliati del test che aveva condotto Google sugli hd dei suoi server?

Scusa per l’OT :flower:


#4

grazie geno per la tua risposta, tutti quei particolari sui dvdram nn li sapevo, per quanto riguarda la qualità dei tdk,sarà anche vero…(prima di prenderli avevo controllato su un sito i vari commenti e compatibilità varie…), però a me mi fà infuriare è che per mast le cose meno importanti o semplici copie avevo anche dei dvd nobrand pagati quasi a peso, con id cmc e qualcosa, usati e stra usati con tante di quelle righe che ormai li puoi usare come lime, che vanno senza perdere un colpo a distanza di quasi un’anno…
sarà anche ot… avevo sentito anch’io la notizia su i test di google. nessuno sa niente?


#5

Purtroppo il discorso DVD è desolante. Tutte le marche ad eccezione di Verbatim e Tayio Yuden sono di bassa qualità . Il fatto che i dischi unbranded plurigraffiati siano ancora leggibili può essere dovuto a due cose: o si tratta di dischi di fabbricazione non recente (tempo fa i dischi avevano una qualità molto migliore di quelli prodotti oggi) oppure hai un lettore eccellente che riesce a recuperare anche dischi molto danneggiati (in quel caso tienitelo stretto quel drive :bigsmile:)

Per quanto riguarda gli hard disk samsung, la mia fonte è una persona che fa assistenza sui computer e che ne ha visti distruggersi a tonnellate di dischi Samsung :frowning:

Lui personalmente mi ha detto che non li comprerà mai più, e addirittura dice che i samsung sono peggio dei maxtor :eek:

Conoscendolo e sapendo che è un tipo molto affidabile, ho deciso di non comprare mai più dischi di quella marca :bigsmile:

Posso anche citare un’esperienza personale. Avevo comprato un disco esterno marcato LaCie un mesetto fa, e dopo averlo collegato al computer si è letteralmente distrutto (al primo utilizzo!!). Facendo qualche ricerca, ho visto che LaCie usa spesso dischi di marca Samsung. Indovinate un po’ quale altra marca eviterò come la peste da opra in poi? :wink: