Attendibilità Velocità Media/Nero Disc Speed - Optidrivecontrol

vbimport

#1

Come da titolo:

Questi due software, al menu : DiscInfo forniscono le velocità supportate dal CD-R inserito.

Ho un paio di CD che (si dice) dovrebbero scrivere fino a 52 x (max).
La velocità minima, invece, non è specificata.

Ad ogni modo per un tipo mi dice:

8x, 16x, 24x, 32x (il venditore lo dà fino a 48x)

per il secondo tipo:

8x, 16x, 24x, 32x, 40x, 48x (il venditore lo dà fino a 52x)

Sono risultati attendibili?

:confused:


#2

Purtroppo raramente i dati forniti dal produttore sono attendibili.

Il software dovrebbe (in teoria) leggere direttamente dal firmware le velocità di scrittura consentite, e non da qualche sorta di database interno al programma stesso.

Hai provato a confrontare quei valori con quelli forniti da ImgBurn?


#3

Grazie Geno… no, non ho provato ma lo faccio subito!:slight_smile:


#4

Provato, ma purtroppo ImgBurn fornisce tutti i valori possibili meno quello che mi interessava.


#5

ImgBurn legge i valori dal firmware, quindi se nel firmware non è prevista la velocità che ti interessa, non c’è nulla da fare :frowning:


#6

Uhmmm… :doh:

Mi sa di no. Nel senso che se è vero quanto dici, cioè se intendi dire il firmware del masterizzatore, allora ne OptiDrivecontrol e nemmeno Nero Disc speed dovrebbero essere in grado di leggerli. Invece lo fanno.

Magari è una piccola “dimenticanza” di ImgBurn che verrà sistemata nella prossima release! :wink:

O magari essendo un dato che non interessa a nessuno visto che, da quanto leggo in giro, masterizzano tutti a velocià folli, è un valore non riportato intenzionalmente. :slight_smile:

P.S. Cosa c’entrano i valori del firmware del masterizzatrore con le velocità consentite (inteso come minimo e massimo) dei supporti?


#7

Non ho capito :o

ImgBurn e cd-speed dovrebbero essere perfettamente in grado di leggere il firmware del masterizzatore, visto che è da li che ricavano la lista delle velocità di scrittura di ciascun tipo di disco :slight_smile:


#8

Ho capito che “non hai capito”! :bigsmile::bigsmile::bigsmile:

Non a caso ti ho chiesto cosa c’entrano i valori del firmware del masterizzatrore con le velocità consentite (inteso come minimo e massimo) dei supporti? :wink:

Io parlavo di 2 software che “leggono” la velocità di scrittura consentite dei supporti inseriti nel masterizzatore.

Penso che poi, ovviamente, uno scelga la velocità sulla base di quelle scritte nel firmware del masterizzatore ma, ripeto, io parlavo di supporti, indipendentemente dal masterizzatore con cui si legge/scrive.


#9

:eek: mi sa che ho frainteso del tutto la domanda iniziale allora :doh:

Io avevo capito che quando vai a masterizzare un disco le possibili velocità da scegliere che mostra il programma di masterizzazione sono diverse da quelle indicate sulla confezione del disco stesso. E’ questo il problema?


#10

:)NOOOOOOOOOOOOOOO! :bigsmile::bigsmile::bigsmile:

Copio e incollo il primo post!

Due software, ovvero NeroSPeed Disc ed OptiDriveControl che hanno una funzione identica nel menu che si chiama DiscInfo e che entrambe le funzioni forniscono le velocità supportate dal CD-R inserito. Cioè dal CD-R…INDIPENDENTEMENTE DAL MASTERIZZATORE!!

Ho un paio di CD che (si dice) dovrebbero scrivere fino a 52 x (max).
La velocità minima, invece, non è specificata.

Ad ogni modo per un tipo mi dice:

8x, 16x, 24x, 32x (il venditore lo dà fino a 48x)

per il secondo tipo:

8x, 16x, 24x, 32x, 40x, 48x (il venditore lo dà fino a 52x)

Sono risultati attendibili?

Me lo chiedo perchè potrebbe essere interessante sapere, per un determinato tipo di supporto e per fare test attendibili, quali sono le REALI velocità supportate dal CD-R preso in esame! :slight_smile:


#11

Allora avevo capito bene ma mi sono spiegato male :bigsmile:

mo cce riprovo :stuck_out_tongue:

Le velocità di scrittura non possono essere indipendenti dal masterizzatore. Quello indicato sulla confezione come valore massimo il 90% delle volte è solo pubblicità ingannevole. In linea di principio indica soltanto la velocità massima per la quale quel disco è certificato in scrittura.

Ma se il firmware del masterizzatore (sulla base dei test effettuati dal fabbricante su quel tipo di supporto) è programmato per non andare oltre i 40x (ad esempio), anche se il disco ufficialmente è certificato per 52x il masterizzatore se ne infischia e oltre 40x non lo scrive.

Le informazioni mostrate da cd-speed e da imgburn sono quelle presenti nel firmware. Quindi, anche se sulla scatola il disco è ufficialmente certificato per poter essere scritto a 52x, quel modello specifico di masterizzatore con quella specifica versione del firmware non va oltre 40x.

Quindi, a meno che i valori mostrati da CD-speed e da imgburn sullo stesso disco non siano totalmente diverse, allora i valori sono sicuramente attendibili.

Faccio un esempio.

cd speed 8x, 16x, 24x, 32x
imgburn 9x, 20x, 24x, 40x

cioè valori totalmente discordanti, allora uno dei due software (cd speed più probabilmente perché imgburn non è così bacato :p) ha dei problemi.

Ma il fatto che il valore massimo rilevato dal masterizzatore e quello scritto sulla confezione siano diversi non significa che il valore mostrato sia inattendibile, ma solo che chi ha scritto il firmware ritiene che quel disco, pur essendo “certificato” per 52x, non conviene scriverlo oltre 40x altrimenti viene fuori il solito sottobicchiere :slight_smile:

Le REALI velocità supportate dal CD-R preso in esame quindi dipendono dal masterizzatore e dalla versione del firmware, non da quello che è scritto sulla scatola :slight_smile:

Stavolta ci ho azzeccato? :flower:


#12

Fino ad un certo punto!
Nel senso che penso che una cosa siano le velocità previste/consentite dal firmware/masterizzartore ed un altra siano le velcità previste dal supporto.

Ovvio che se un supporto è un 24x ed il mio masterizzatore un 52x, di certo non proverei a materizzarlo a 48x.

Nei valori che ho riportato prima, misurato con 3 masterizzatori diversi, per entrambi i CD-R la velocità minima del supporto risultava essere 8x.

Ma 2 dei 3 masterizzatori, stando al firmware, arrivano a masterizzare fino ad un minimo di 2 x.

Quindi se è vera la tua teoria, i software che leggono le velocità consentite dai CD-r, avrebbero dovuto restituirmi un valore minimo di 2x anzichè 8x.

Non a caso, 2 supporti diversi e 2 valori diversi.

[QUOTE=FlyingLuka;2569144]Ad ogni modo per un tipo mi dice:

8x, 16x, 24x, 32x (il venditore lo dà fino a 48x)

per il secondo tipo:

8x, 16x, 24x, 32x, 40x, 48x (il venditore lo dà fino a 52x)

[/QUOTE]

Per questo che penso che 2 x sia la velocità MINIMA consentita dal masterizzatore, mentre 8 x la minima del supporto.

Quindi dovrebbe significare di non scendere oltre gii 8x.

Ergo, faccio un cd a 2x (velocità prevista dal fimware/masterizzatore) con n supporto la cui velocità minima è 8x… ottengo un test disastroso e non attendibie.

Sono riuscito a spiegarmi pure io? :slight_smile:


#13

Mi sa che stai facendo confusione su un punto :slight_smile:

La velocità di scrittura non dipende dal disco, ma dal firmware. Chi scrive il firmware stabilisce una velocità minima di scrittura per quello specifico disco.

Il fatto che alcuni masterizzatori abbiano 2x come velocità minima significa solo che loro sono riusciti a mettere a punto una strategia di scrittura che consente il 2x. mentre altri sviluppatori (di altre marche di masterizzatore) o non sono riusciti ad ottenere quel risultato, oppure (più verosimilmente) hanno dei parametri diversi per scegliere quali velocità di scrittura supportare e quali è meglio scartare.

In pratica funziona così. Chi scrive i firmware usa i dischi per fare dei test di scrittura. Poi i dischi masterizzati vengono analizzati (con apparecchiature più precise delle scansioni che possiamo fare noi poveri utenti) e decidono se includere quella velocità di scrittura o se escluderla perché sul disco ci verrebbero troppi errori.

Oltre alla diversità dei parametri presi in considerazione da ditte diverse che fabbricano masterizzatori (ad esempio alcuni sono di “manica più larga” mentre altri produttori sono più schizzinosi e hanno dei parametri più restrittivi per giudicare la bontà di una masterizzazione) va tenuto conto che esiste una grande variabilità tra le varie partite di produzione dei dischi, quindi se ad esempio la Pioneer becca una partita di produzione ottima, il firmware sviluppato da Pioneer sarà “calibrato” su quella partita di dischi, mentre se la LG (tanto per fare un esempio) riceve una partita di dischi bacata, chiaramente le loro calibrazioni del firmware saranno totalmente diverse da quelle di Pioneer.

Ecco quindi che con masterizzatori diversi vengono fuori velocità di scrittura diverse.

Il minimo possibile, quindi, è stabilito da chi sviluppa il firmware in base ai dischi su cui ha lavorato. E’ chiaro, poi, che se i dischi che si trovano in commercio sono peggiori di quelli usati per calibrare il firmware i risultati in scrittura vanno… a gambe all’aria :doh:

Ergo, faccio un cd a 2x (velocità prevista dal fimware/masterizzatore) con n supporto la cui velocità minima è 8x… ottengo un test disastroso e non attendibie.

Tecnicamente, in tutti i masterizzatori la velocità minima di scrittura è 1x, ma se per quello specifico disco il firmware prevede 8x come velocità minima, il drive non potrà mai scriverlo a 2x anche se tecnicamente il masterizzatore è capace di scrivere a 1x.

Credo che il punto su cui non riusciamo a capirci sia proprio questo. Il CD non ha una velocità minima intrinseca di scrittura che viene stabilita dal fabbricante durante il processo di produzione del disco. La velocità minima di scrittura viene decisa da chi scrive il firmware basandosi sui risultati della masterizzazione.


#14

Capito! :iagree:
Credo che (forse) stiamo dicendo la stessa cosa ma 2 visioni differenti.

La tua sicuramente più tecnica ed analitica, la mia più rozza e spartana :sad:

Tecnicamente, in tutti i masterizzatori la velocità minima di scrittura è 1x, ma se per quello specifico disco il firmware prevede 8x come velocità minima, il drive non potrà mai scriverlo a 2x anche se tecnicamente il masterizzatore è capace di scrivere a 1x

Il punto chiave è questo: nel senso che io erroneamente sostenevo che fosse la velocità del “fabbricante” del cd, quindi indipendente dal masterizzatore.
Tu invece dici che quella è la velocità che il firmware prevede per quel tipo di disco!

Adesso è chiaro. Il punto di unione è stato trovato. :iagree::iagree::iagree:

Quindi, tornando alla domanda iniziale, mi chiedevo se queste velcità fornite siano attendibili proprio per capire quali siano le velocità previste per i test INDIPENDENTEMENTE dalle velocità dichiarate dai fabbricanti.

Chiaro? :slight_smile:


#15

Io quasi quasi passo alle pennine USB… credo diano meno problemi! :bigsmile:


#16

Il bello dei forum è proprio che un po’ alla volta ci si arriva alla soluzione :slight_smile:

Purtroppo è difficile rispondere :frowning:

C’è un parametro incontrollabile che manda all’aria qualsiasi tentativo di trovare una risposta univoca: la variabilità dei dischi reperibili in commercio.

L’unico modo per districarsi è affidarsi alla statistica. Mi spiego meglio. Se 9 masterizzatori su 10 indicano che per quello specifico disco la velocità minima supportata dal firmware è 16x, anche se esiste qualche masterizzatore che permette di masterizzarli a 2x è meglio usare il 16x come minimo.

Infatti, se 9 produttori di masterizzatori dai loro test rilevano che scrivere quello specifico disco al di sotto di 16x i risultati sono inaccettabili, è più probabile che chi ha sviluppato quell’unico firmware che consente il 2x sia un incapace.

Quindi, per rispondere alla domanda, per valutare se il valore minimo indicato dai software tipo cd-speed o imgburn per un determinato disco sia affidabile o meno (a prescindere da quanto indicato sulla confezione), il modo migliore è vedere quali valori vengono fuori sul numero più alto possibile di masterizzatori e poi scegliere il valore più rappresentato.

Se la maggior parte dei drive indica 16x come minimo, allora 16x sarà il valore statisticamente più attendibile.

I guai cominciano se i valori più rappresentati sono due (ad esempio, su 10 masterizzatori 5 indicano che il minimo è 16x e 5 indicano 8x come minimo).

In questo caso, l’unica è fare un paio di masterizzazioni e vedere come si comporta la scansione.


#17

Tutto chiaro e questo, putroppo, non fa che confermarmi ulteriormente quanto sia approsimativa la pratica della masterizzazione casalinga.

P.S. Credo che a breve mi convertirò all’ uso delle penne USB :eek:


#18

[QUOTE=FlyingLuka;2569405]P.S. Credo che a breve mi convertirò all’ uso delle penne USB :eek:[/QUOTE]

:eek::eek::eek::eek::eek:

Ci sono pure le Secure Digital :stuck_out_tongue:


#19

Ci sono pure le Secure Digital :p[/QUOTE]

:rolleyes::Z:eek: