Aprendo gli .MP3

vbimport

#1

Ho scaricato un brano che ha l’estensione .610 e non riesco a… (notare SEI UNO ZERO !)

MA DAI! STO SCHRZANDO!!!

Adesso seriamente, continuate a leggere PLZ!

Prologo:

Vi è mai capitato di scaricare un MP3 con Netscape e di ritrovarvelo completamente “cotto”? La cosa più facile da fare è ripristinarlo tramite Uncook95, giusto?

Beh, io volevo vedere “fisicamente” cosa succedeva ad un brano “cotto” durante il download ed ho iniziato dalla cosa più semplice possibile e cioé paragonarlo all’analogo “sano”.

Ho pertanto aperto due MP3 “uguali” a caso (uguali nel senso che era lo stesso brano, uno funzionanate e l’altro cotto) con un Editor ma con mia somma sorpresa ho scoperto tutt’altra cosa…

Il Fatto:

…con mia somma sorpresa, dicevo, ho scoperto tutt’altra cosa. Infatti, prima ancora della sequenza di byte che identifica il tipo di file, all’inizio del “brano” c’era il seguente codice ASCII (vedi link):
http://frittomist.supereva.it/ascii.txt

(P.S.: per una migliore visione consiglio di aprire con un Editor. Ho aggiunto anche qualche riga di codice effettivo per farvi notare come l’ASCII si anteponga al brano stesso…)

A questo punto mi chiedo: poiché nemmeno il meno (o più, dipende dal caso…) savio degli hacker si metterebbe ad aprire uno ad uno tutta la sua collezione di MP3 “diligentemente” (!) scaricata dalla rete, che senso ha (in questo caso per quelli della SUPREME in questione) inserire il loro .NFO DENTRO al brano stesso?!?

So che qualche gruppo “marchiava” le sue produzioni in questa maniera (o meglio, in una maniera molto simile) ma è praticamente dal tempo del (quasi) defunto DOS che non incontravo più casi del genere…

Allora mi è venuta in mente un’altra cosa: e se si potesse vedere tali info durante l’utilizzo “canonico” del brano?!?

Forse qualche vecchia volpe tra di voi là fuori sa se c’è in giro un lettore di MP3 “alternativo” a quelli classici (o un plug-in per quelli classici…) che permetta di vedere tali informazioni con un semplice click SENZA dover andare ad editare il tutto? In fondo penso abbiano agito un po’ come gli autori di Moduli Tracker che solitamente “mischiano” le loro informazioni nella lista (comunque facilmente richiamabile dal lettore stesso) delle sequenze…

DZ